Trump taglia le truppe in Iraq, ora spera nel Premio Nobel per il Nord America

“Another Promise Kept” è la fine delle “Endless Wars” americane. Donald Trump annuncia la riduzione delle truppe in Iraq e accoglie con favore la candidatura al Premio Nobel per la Pace dopo aver negoziato l’accordo tra Israele ed Emirati Arabi Uniti. Ma un nuovo libro, dopo quello della nipote Mary Trump e dell’ex avvocato personale Michael Cohen, lo mette in difficoltà. Anche perché l’autore è il mitico reporter del Watergate Bob Woodward, al quale ha rilasciato per l’occasione 18 lunghe interviste tra dicembre e luglio. Il presidente, secondo le anteprime di ‘Rage’, ha detto al giornalista che sapeva settimane prima della prima morte dell’America per Covid-19 quanto fosse pericoloso il virus, trasportato dall’aria, altamente contagioso e ” più mortale “. forte influenza ”, forse cinque volte di più. E che “ha sempre voluto minimizzarlo per non creare panico”. Dichiarazioni che contrastano con i frequenti commenti del magnate. Duro anche il giudizio del famoso immunologo Anthony Fauci, il membro più influente della Task Force pandemica della Casa Bianca: “L’attenzione di Trump è un numero negativo” e la sua leadership è “senza timone” , “il suo unico obiettivo è essere rieletto”.

Trump, ho preso provvedimenti per ridurre il panico per il virus Donald Trump non nega di conoscere in anticipo il pericolo del coronavirus, come ha ammesso nelle sue interviste (registrate) con il giornalista del Watergate Bob Woodward per il suo libro “ Rage ”, ma ha spiegato che ‘aveva agito in un modo che pensava avesse ridotto il panico. “L’ultima cosa che volevo era provocare il panico”, ha detto in una conferenza stampa.

READ  Coronavirus: chiusura in GB, in vigore super multe - Ultime notizie

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA