Turchia, si fa un selfie con la moglie incinta e poi la butta giù dal dirupo – Libero Quotidiano

Il autoscatto con la moglie su una scogliera e alle loro spalle una vista mozzafiato sulla Valle delle Farfalle, a Fethiye, in tacchino. Una foto d’amore? Non vedendo questo subito dopo questo colpo, l’uomo ha gettato la moglie dalle scogliere, che stava aspettando il loro bambino. Hakan Aysal, 40 anni, ha ucciso così Semra, 32 anni, incinta di sette mesi, che l’ha fatta volare a 300 metri di distanza.

I fatti risalgono al 2018 e inizialmente si pensava ad un tragico incidente. Ma ora, tre anni dopo, è emersa una verità terrificante. L’uomo voleva acquistare l’assicurazione sulla vita della donna. Hakan Aysal è ora accusato di omicidio premeditato ed è in arresto.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, l’uomo ha approfittato dell’assenza di testimoni per spingere la moglie giù dal dirupo e richiedere così un’assicurazione sulla vita per un importo di 400.000 lire turche (oltre 47.000 euro), a cui aveva sottoscritto in precedenza. . il nome della donna.

Turchia, arrestata straniera italiana di 24 anni: convertita all'islam e al terrorismo in nome di Bin Laden

Video su questo argomento

“Non conoscevo in dettaglio le clausole del contratto, tutti i responsabili della banca sono preparati. Ho solo accompagnato mia moglie a firmare ”, ha cercato di difendere l’uomo. Che ha anche raccontato la sua versione dei fatti agli inquirenti: “Dopo aver scattato la foto, mia moglie ha rimesso lo smartphone nella borsa”, sono le parole dell’uomo, riportate dal tabloid britannico The Sun. “Quando, più tardi, mi ha chiesto di riaverlo, mi sono alzato e ho fatto qualche passo per tirarlo fuori”, ha continuato. “È stato allora che l’ho sentito. Non l’ho spinta: è caduta.

Peccato che la sua storia non abbia convinto nessuno e le indagini sono proseguite fino ad oggi quando l’uomo è stato arrestato per l’omicidio di Semra e del bambino che stava trasportando.

READ  i sindaci di Varsavia e Budapest contro i veti dei loro governi al fondo di recupero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *