Ucraina, tensione alle stelle: oggi a Ginevra l’incontro tra il segretario di Stato americano e il ministro degli Esteri russo

La tensione è alle stelle tra Stati Uniti e Russia. Oggi è il giorno della diplomazia, ma crescono i timori di un’invasione russa dell’Ucraina. Segretario di Stato americano, Antoine Blink, cercherà di disinnescare la crisi con Mosca per l’Ucraina durante l’atteso incontro con il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, a Ginevra. La crisi si acuisce e i colloqui fin qui tenuti non hanno portato a nessun progresso: l’incontro tra i due capi della diplomazia americana e russa arriva mentre Blinken è stato nei giorni scorsi a Kiev, poi a Berlino, per una nuova missione con che gli Stati Uniti stanno cercando di trovare soluzione diplomatica alla crisi ucraina. Gli Stati Uniti e altri alleati occidentali chiedono a Mosca di ritirare le truppe schierate al confine, mentre la Russia chiede garanzie di sicurezza e fermare l’espansione verso est della NATO, opponendosi ai continui aiuti militari statunitensi all’Ucraina. “Tutto ciò che stiamo facendo è garantire al meglio delle nostre capacità che l’Ucraina abbia i mezzi per difendersi e possibilmente evitare un’ulteriore aggressione russa”, ha detto Blinken durante i suoi colloqui a Berlino giovedì.

E ieri è stata una giornata di confronto tra Washington e Mosca: il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è stato criticato per aver affermato che a “disastro” stava aspettando la Russia se avesse attaccato l’Ucraina. Tali dichiarazioni, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, “possono facilitare la destabilizzazione della situazione perché possono ispirare false speranze in alcune teste calde in Ucraina”. Allo stesso tempo, Peskov non ha escluso nuovi colloqui di sicurezza tra il presidente russo Vladimir Putin e Biden. Dopo quasi 24 ore di incertezza tra gli alleati, e in particolare a Kiev, il presidente Joe Biden ha cercato di fugare i dubbi sulla determinazione di Washington e sulla compattezza del campo occidentale di fronte a una possibile mossa avventurosa di Mosca. Non sorprende che, alla vigilia della riunione di Ginevra, Mosca abbia mescolato segnali conciliatori con segnali più aspri.

READ  "Uno dei fratelli non sapeva nemmeno che esistesse"

Biden doveva assicurarsi di essere “assolutamente chiaro”. Vladimir Poutine sulle conseguenze di un attacco russo in Ucraina. È stato dopo, durante la conferenza stampa della maratona del suo primo anno alla Casa Bianca, che ha accennato a una possibile incursione “minore” delle truppe russe, lasciando intendere che anche in questo caso la reazione potrebbe essere contenuta. E, quel che è peggio, ammettere l’esistenza di “differenze” all’interno del Fronte occidentale su quale azione intraprendere in questo caso.

Per tutta la giornata, diplomatici europei e americani si sono precipitati a cercare di rimediare all’apparente gaffe ea convincere il mondo intero – principalmente i russi – che l’Occidente è incrollabilmente unito in questa zona. braccio di ferro con i sapori della guerra fredda. Gli occidentali “parlano con una voce sola quando si tratta di Russia”, ha detto Blinken da Berlino, dove è arrivato dopo uno scalo a Kiev per consultazioni con i principali alleati europei. Il primo ministro britannico Boris Johnson gli ha subito fatto eco, sottolineando che se la Russia avesse fatto un’incursione in Ucraina, “di qualsiasi portata”, si tratterebbe di “catastrofe per il mondo”. Non del tutto rassicurato da queste parole, Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiarito la sua protesta, affermando che “non ci sono piccole incursioni e piccole nazioni”. E a questo punto Biden ha dovuto intervenire personalmente per correggere la situazione. Tuttavia, gli esperti negoziatori russi non possono sottrarsi al fatto che le parole dell’inquilino della Casa Bianca sembrano confermare le crepe che si intravedono sul fronte occidentale dietro la compattezza di cui parlano i comunicati ufficiali.

Con l’allungarsi dei tempi del braccio di ferro, Mosca attende di vedere se gli interessi divergenti tra gli avversari si tradurranno nelle divisioni auspicate. Alcuni segnali sembrano già emergere. Mentre Lettonia, Lituania ed Estonia hanno acconsentito inviare armi avanzate acquistate negli Stati Uniti in Ucraina, La Germania, sottolineano i media locali, ha rifiutato la richiesta di Kiev di dotarla di unità navali per rafforzare le difese delle coste del Mar Nero. Bill Burns, per convincere i paesi europei ad unirsi a Washington nel rispondere a Mosca in caso di invasione, nonostante i forti legami economici di molti di loro – in primis proprio la Germania – con la Russia.
Intanto Washington ha imposto sanzioni a quattro ucraini accusati di collaborare con i servizi segreti russi (FSB). Tra loro, due deputati in carica, Taras Kozak e Oleg Volochi, si sono ritrovati nella lista nera per le loro “attività destabilizzanti”. Sono in particolare accusati di essere stati accusati dall’FSB di “Reclutare ex e attuali capi di governo prepararsi a prendere il governo ucraino e controllare le infrastrutture del paese con una forza di occupazione russa”, secondo il Tesoro degli Stati Uniti.

READ  Germania, forti piogge e alluvioni: almeno 33 morti e 70 dispersi. La Merkel di Washington: "Sconvolta dal disastro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.