Ucraina.  Uccisi altri due generali russi, ora a dieci |  All’estero

Ucraina. Uccisi altri due generali russi, ora a dieci | All’estero

L’Ucraina riferisce di aver ucciso altri due generali russi. Ciò porterebbe il totale a dieci. Si tratta di un numero senza precedenti, storicamente parlando. I russi hanno confermato la morte di due soli generali.

Non è chiaro quali due generali fossero coinvolti. Secondo quanto riferito, sono stati uccisi nei combattimenti a Kherson, una regione dell’Ucraina meridionale. L’obiettivo degli ucraini era il posto di comando della 49a armata russa. I rapporti dicono che un terzo alto ufficiale è stato gravemente ferito. Secondo quanto riferito, dieci generali russi sono stati uccisi dall’inizio della guerra il 24 febbraio.


grave perdita

Se il numero dieci è corretto, allora è una pesante perdita per i russi. Non dalla seconda guerra mondiale un esercito ha visto morire così tanti ufficiali di questo calibro. Inoltre, si dice che siano morti più di trenta colonnelli.

Tutto ciò avrebbe a che fare con il modo in cui i russi si sono preparati per l’invasione dell’Ucraina. In particolare, le scarse strutture di comunicazione sono un problema per gli ufficiali. Poiché le linee sicure spesso non funzionano, i normali telefoni sono costretti a utilizzare. In questo modo è più facile rispondere alle telefonate: gli ucraini sanno esattamente dove si trovano gli ufficiali e quindi inviano cecchini o puntano contro di loro le pistole.

READ  Prima siccità persistente, poi precipitazioni eccezionali: cosa sta succedendo nel nord Italia?

In questo modo sarebbero stati localizzati e distrutti almeno 31 posti di comando e comunicazione. Anche il cattivo andamento dell’offensiva e il crollo del morale delle truppe sarebbero una spiegazione. I generali sono quindi obbligati ad andare loro stessi al fronte per gestire le cose, con tutti i rischi che ciò comporta.

Andrej Sukhovetski, uno dei due generali confermati morti dai russi.

Andrej Sukhovetski, uno dei due generali confermati morti dai russi. © Wikipedia

generale

Il primo generale a morire (sebbene la sua morte sia stata negata dai russi) è il ceceno Magomed Tushayev. Morì il 26 febbraio vicino a Hostomel, una città con un aeroporto vicino a kyiv. Pochi giorni dopo, Andrej Sukhovetski è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da un cecchino, sempre a Hostomel. In precedenza ha combattuto nella guerra civile siriana ed è stato anche coinvolto nell’annessione russa della Crimea nel 2014. La sua morte è stata confermata.

Secondo quanto riferito, il generale Vitali Gerasimov della 41a armata sarebbe stato ucciso l’8 marzo durante l’assedio di Kharkov. Anche lui ha combattuto in Siria e Crimea, e prima ancora nella seconda guerra cecena. Il rapporto dell’Ucraina sulla sua morte non è stato confermato. Questo vale anche per Andrei Kolesnikov e Oleg Mitiaev, che si ritiene siano morti rispettivamente l’11 e il 15 marzo. Quest’ultimo sarebbe morto nei pressi di Mariupol, la città assediata dai russi dall’inizio di marzo. Il 18 marzo, il generale Andrei Mordvichev sarebbe stato ucciso in un attacco di artiglieria a Kherson. Anche i russi lo negano.

Il 25 marzo gli ucraini denunciano la morte del generale Yakov Rezantsev, comandante della 49a armata. Secondo quanto riferito, è stato ucciso in un attacco al suo posto di comando all’aeroporto di Chernobayivka nella regione di Kherson. Poche settimane dopo si seppe (anche in Russia) che il generale Vladimir Frolov era stato ucciso. Questa notizia arrivò quando fu sepolto a San Pietroburgo.

La morte del maggiore generale Vladimir Frolov è stata confermata anche dai russi

La morte del maggiore generale Vladimir Frolov è stata confermata anche dai russi ©Twitter

Guarda i nostri video sulla guerra in Ucraina qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *