Un medico britannico dichiara accidentalmente la morte cerebrale del bambino: il bambino riprende a respirare autonomamente dopo due settimane all’estero

Un medico britannico dichiara accidentalmente la morte cerebrale del bambino: il bambino riprende a respirare autonomamente dopo due settimane all’estero

Morte cerebrale. Era un bambino di quattro mesi, secondo i medici di un ospedale di Londra nel luglio di quest’anno. Un test è stato sviluppato per questo nel Regno Unito e non ha lasciato dubbi al riguardo. Il personale ospedaliero è stato quindi molto sorpreso quando il bambino ha iniziato a respirare da solo due settimane dopo. Non era stato tolto il ventilatore a causa di una controversia legale, che si è rivelata salvargli la vita.

Giovedì il medico ha ritirato la determinazione clinica della morte e ha fornito prove al corpo ospedaliero britannico Academy of Medical Royal Colleges. “Deve essere incomprensibile per i genitori che il loro bambino debba passare per qualcosa che sembra un enorme errore. Posso solo dire che sono terribilmente dispiaciuto.

Test clinico

Anche altri medici hanno definito il test obsoleto. “Quindi è chiaro: il test che determina se qualcuno è cerebralmente morto non è affidabile”, ha detto uno. L’Accademia ha immediatamente indicato che avrebbe indagato se il test doveva essere modificato e come farlo al meglio.

Il test attualmente in uso è una serie di piccoli test che misurano alcune delle funzioni automatiche del cervello. Ciò riguarda, tra le altre cose, una possibile reazione degli occhi quando una luce intensa li colpisce, del corpo quando si riceve acqua ghiacciata nelle orecchie o si interrompe brevemente la ventilazione per vedere se il paziente respira autonomamente. Il test viene eseguito solo su pazienti che hanno chiaramente subito danni cerebrali.

occhi di Argo

L’ospedale britannico è stato guardato con sospetto sin dal caso Archie Battersbee. Il ragazzo di 12 anni è stato tolto dal ventilatore all’inizio di agosto dopo una battaglia legale durata mesi tra i suoi genitori e il personale infermieristico. Il ragazzo era caduto in coma e i medici hanno stabilito che era morto di cervello e doveva essere tolto dal ventilatore. I suoi genitori hanno insistito per farla franca. Alla fine, il giudice si è pronunciato a favore dei medici.

READ  Il governo Usa rassicura i bambini: "Babbo Natale non risente della tempesta invernale" | Eccezionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *