Un tempo bravo come Van Dijk, Solovei vuole solo una cosa: ‘Ritorno in Ucraina’

NOS/Arthur Huizinga

IL NOSTRO Ciclismo

Il suo famoso casco floreale è scomparso questa settimana ai Mondiali di ciclismo di Wollongong.

Anna Solovei era una volta una formidabile concorrente di Ellen van Dijk e Annemiek van Vleuten nella cronometro. Ora trascorre il suo tempo principalmente in un piccolo appartamento a Leuven. Con il suo telefono, per non perdere nulla di ciò che sta accadendo nella sua nativa Ucraina.

Fa caldo nel Brabante fiammingo quando suoni il campanello. La tromba delle scale buia odora della zuppa di verdure della nonna. Al quarto piano, la luce brilla dalla porta. “Aspetta un attimo, sto arrivando”, si sente in inglese, con accento slavo.

Solovei indossa una polo della sua squadra di ciclismo di Lviv, con sponsor come Van der Valk Beveren e Bruges pancakes. Ha un tatuaggio sorprendente sul braccio. non arrendersi mai, dice. “Entra. Attenti alle moto, sono un po’ di intralcio.”

Rivale di Van Dijk e Van Vleuten

Nel frattempo, sono passati otto anni da quando Solovei è salito sul podio ai Campionati mondiali a cronometro di Ponferrada, a diciotto secondi dalla vincitrice Lisa Brennauer.

Solovei si precipita in vetta alla cronometro con un elmo floreale: argento nel 2014 e nel 2015

Scriviamo il 2014, l’anno della rivoluzione EuroMaidan in cui il presidente filo-russo Yanukovich è stato estromesso dal peluche dopo settimane di proteste a Kiev.

Allarme

Nel 2014 molto è cambiato per Solovei e dintorni. In risposta allo sconvolgimento politico a Kiev, le province orientali di Donetsk e Luhansk si sono dichiarate indipendenti. Con il sostegno della Russia, ovviamente, che ha occupato la Crimea senza imbarazzo.

“Stavo studiando a Lugansk all’università quando all’improvviso è scattato l’allarme”, ha detto Solovei. “C’erano posti di blocco con soldati ovunque all’esterno. Non potevo più viaggiare liberamente nella mia Ucraina!

ILLUMINATO

Campionati del mondo di ciclismo

Per molti olandesi era ancora per lo più uno spettacolo lontano dal mio letto, fino a quando l’aereo di linea MH-17 non è stato abbattuto quest’estate. L’elmo a fiori che indossava Solovei a Ponferrada era visto in Occidente come una dichiarazione politica.

“Non era stato pianificato in questo modo”, dice ora Solovei. “Volevo fare qualcosa di speciale per la Coppa del Mondo e stavo cercando un tipico simbolo ucraino. Una sera il mio allenatore è entrato nella mia stanza d’albergo e ha gridato: ‘Lo so! Fiori.””

vecchio francobollo

Solovei è cresciuto a Khmelnytsky, nell’Ucraina occidentale, ed eccelleva nelle lezioni di sport delle scuole superiori. Da bambina sognava una carriera come Jana Klotsjkova, campionessa olimpica di nuoto a Sydney e ad Atene. Ma il suo futuro era nel ciclismo.

Un allenatore di ciclismo di Luhansk l’ha presa sotto la sua ala protettrice e Solovei è diventato uno dei migliori giocatori al mondo nelle categorie giovanili dell’Ucraina orientale. “L’allenamento di allora era davvero come prima durante il comunismo: tre al giorno, molto duro”.

NOS/Arthur Huizinga

Anna Solovei nel suo appartamento nel quartiere Kessel-Lo di Leuven.

Quando è tornata nel branco nel 2013, non è stata subito accolta a braccia aperte. Solovei alza le spalle. “È stato utilizzato così tanto e c’erano così tanti corridori con un passato”.

flauto fischiante

Dopo essere arrivata seconda ai Mondiali 2014, Solovei era una donna da non sottovalutare. La conferma è arrivata agli European Games di Baku, dove è arrivata nuovamente seconda nella cronometro.

Sul podio ha brillato tra l’arancione del vincitore Van Dijk e la numero tre Annemiek van Vleuten. “Non male, eh”, ride, quando vede una foto di quel momento.

SCIMMIA

Anna Solovei al fianco di Ellen van Dijk e Annemiek van Vleuten sul podio delle cronometro agli European Games di Baku

Solovei: “Ellen e Annemiek, sono davvero di un altro pianeta. Veri animali da addestramento, che non lasciano nulla al caso. Sono un po’ un pilota. Non ho mai guidato con un misuratore di potenza, per esempio”.

“Anna non sa nemmeno come funzioni una cosa del genere”, aggiunge con una risata la sua giovane casa e compagna di squadra Ksenia Fedotova. “E perde sempre il telefono. Sempre.”

“È vero”, dice Solovei. “Ma sono stato al telefono ogni momento dall’inizio della guerra. Voglio sempre sapere come stanno i miei genitori a Chmelnytsky. E con il mio amico (l’ex pilota Vladislav Keminskyi) e la sua famiglia a Vinnytsia”.

NOS/Arthur Huizinga

Anna Solovei e la sua coinquilina Ksenia Fedotova

“Con Zelensky puoi semplicemente bere un caffè”

Per Van Dijk e Van Vleuten, il podio di Baku si è rivelato una nota a piè di pagina su una lista infinita di riconoscimenti. Per Solovei, questo è stato uno degli ultimi momenti salienti.

Ogni tanto Solovei mostrava qualcosa della sua classe. Nel 2019 ha vinto la corsa a punti agli European Games di Minsk. Al suo ritorno, le fu permesso di visitare il suo nuovo presidente, Volodymyr Zelensky.

Ci pensa ancora spesso. “Un uomo molto gentile. Abbiamo un presidente con cui puoi semplicemente prendere un caffè. Molto diverso da quello che è in Russia”.

NOS/Arthur Huizinga

Anna Solovei e Ksenia Fedotova cercano di vivere al meglio la loro vita a Leuven

In questa stagione, Solovei ha partecipato principalmente a gare fieristiche belghe. Preferisce evitare le grandi gare, soprattutto se al via ci sono partecipanti russi. “Come posso correre contro i piloti russi? disse, alzando la voce. “Si comportano come se tutto fosse normale, mentre le persone in Ucraina stanno morendo. È come se avessero subito il lavaggio del cervello”.

Non è stata selezionata per la cronometro del Campionato del Mondo a Wollongong. Lei spera in un bel Mondiale in pista a fine ottobre, ma non dobbiamo aspettarci miracoli basati sull’Europeo di Monaco.

Solovei alza le spalle ancora una volta. “Nel 2014 il ciclismo era la mia vita. Oggi ho 30 anni e sono travolto dalla competizione. Non mi interessa. Voglio solo una cosa: tornare in Ucraina”.

Anna Solovei e Ksenia Fedotova hanno trovato rifugio a Leuven. Un’altra parte della selezione della pista ucraina si è svolta ad Aigle, presso il centro di allenamento dell’UCI. A fine aprile hanno ricevuto il presidente del CIO Thomas Bach e il grande sportivo Sergei Boebka.

In fuga dalla guerra, ricevuto ad Aigle: un ciclista su pista ucraino scoppia in lacrime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.