Un uomo si astiene dal bruciare la Torah e la Bibbia presso l’ambasciata israeliana in Svezia |  All’estero

Un uomo si astiene dal bruciare la Torah e la Bibbia presso l’ambasciata israeliana in Svezia | All’estero

L’uomo che sabato voleva bruciare una Torah e una Bibbia all’ambasciata israeliana a Stoccolma non l’ha fatto. Aveva già un permesso per la protesta che avrebbe incluso l’incendio.

Secondo il siro-svedese Ahmad A., voleva solo dimostrare che è importante rispettarsi a vicenda.

“È una risposta alle persone che bruciano il Corano. Voglio dimostrare che ci sono dei limiti alla libertà di espressione che devono essere presi in considerazione”. Durante la sua protesta, ha tenuto un Corano.

Ci sono stati due Corani bruciati in Svezia quest’anno. Gli ultimi risalgono alla fine di giugno. Poi un rifugiato iracheno ha dato fuoco a un Corano. Si asciugò anche i piedi con le pagine del libro sacro e ci mise sopra la pancetta.

Quando il governo svedese ha cercato di vietare questo tipo di incendi dopo un incendio a gennaio, il giudice ha posto fine. Manifestazioni di questo tipo sono autorizzate dalla costituzione svedese.

Per questo Ahmad A. avrebbe potuto bruciare sabato i libri sacri di cristiani ed ebrei, ma ha deciso di non farlo. “Se do fuoco alla Torah, un altro alla Bibbia e un altro al Corano, qui ci sarà la guerra”.

READ  "Esercito contro immigrati, Spagna paese serio" - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *