Una questione di budget – F1 Team – Formula 1

Nella storia della Formula 1 ci sono ancora – per ora – team manager che sono riusciti a vincere più titoli in carriera di quanti ne abbiano. Toto Wolff a Mercedes. Il tecnico austriaco, invece, con i suoi sette campionati costruttori consecutivi vinti, uniti ai sette titoli piloti consecutivi conquistati da Lewis Hamilton (sei) e Nico Rosberg (uno) dal 2014 ad oggi, è ancora imbattuto nel suo ruolo. Da quando è alla guida del team Mercedes di Formula 1 nessuno è mai riuscito a stare un passo avanti alle frecce d’argento del campionato. Wolff, tuttavia, non ha sempre lavorato per la Mercedes in F1. Dal 2009 alla fine del 2012, Wolff è stato prima azionista e poi CEO di Williams.

Wolff: “Adesso Hamilton costerà di più”

Interrogato dal sito web ufficiale della Formula 1 a margine del GP di Turchia, in cui Lewis Hamilton ha vinto il suo settimo titolo mondiale della carriera, Wolff ha parlato dei suoi sentimenti all’atterraggio a casa della Star. Soprattutto, l’allenatore austriaco si è concentrato su com’era allora punto debole della Mercedes, comunicazione interna: “C’erano buone basi. Ross Brawn ha fatto un buon lavoro attirando persone chiave nel team. Ma quando sono entrato era chiaro che c’era poca sincronizzazione tra la struttura tedesca e la squadra in Gran Bretagna – spiegò Wolff – non c’era una buona comunicazione. Lo Stoccarda non aveva idea che la squadra stesse finendo i fondi. Ciò si è riflesso in tutte le aree “.

Wolff: “sarò il manager del team Mercedes nel 2021”

La base economica, nell’esperienza di Wolff, è fondamentale per il successo in F1: “C’è sempre stato scetticismo nei confronti delle altre sedi. Ho messo tutto sul tavolo e ho detto “Quali sono le tue aspettative?” D’altra parte, hanno risposto che avrebbero vinto il campionato – ha aggiunto il manager viennese – perché questa è la squadra che hanno acquistato nel 2009 ed è qui che si aspettavano che fosse la Mercedes. Quindi ho risposto che ero alla Williams e che con lo stesso budget, le mie aspettative erano di finire quinto o sesto. Quindi c’era uno di noi che aveva torto. La conclusione è stata che la squadra era semplicemente sottofinanziata. Una cosa è certa: se hai meno soldi, non vinci. Se hai lo stesso budget, non c’è alcuna garanzia di vincere, perché ci vuole tempo e le persone giuste “.

READ  LIVE TMW - Pjanic: "Grazie Juve ma volevo nuovi stimoli. Adesso sono nel club più grande del mondo"

TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *