Undici anni dopo il disastro nucleare di Fukushima, i malati di cancro chiedono milioni di risarcimento

Undici anni dopo il disastro nucleare di Fukushima, i malati di cancro chiedono milioni di risarcimento

Chihiro era a scuola quando ha sentito il terremoto. “Sono corsa subito a casa. Era tutto un disastro.” Non aveva idea che ci fosse un disastro nucleare a poche miglia da casa sua.

Quando l’impianto di Fukushima Daiichi è stato colpito dallo tsunami, i generatori di riserva hanno smesso di funzionare. A causa della mancanza di acqua di raffreddamento pompata, la temperatura nel reattore nucleare ha raggiunto il punto di fusione. Dopo successive esplosioni e perdite, è stata rilasciata una grande dose di radiazioni. Un’area di diverse decine di chilometri intorno alla fabbrica è stata evacuata.

“Non posso condurre una vita normale”

Quando Chihiro ha saputo di avere un cancro alla tiroide nel 2017 all’età di 18 anni, era sotto shock. “Ma il dottore mi ha detto che non aveva nulla a che fare con il disastro nucleare. Non l’ho nemmeno chiesto”. Le successive visite in ospedale le hanno reso difficile completare gli studi, ma alla fine ha trovato il lavoro dei suoi sogni a Tokyo. Alla fine ha dovuto licenziarsi per problemi di salute. “Tutto è diventato più difficile. Non posso condurre una vita normale”.

Secondo Satoshi Utsunomiya, professore associato di chimica all’Università di Kyushu, il governo misura solo le particelle radioattive che rappresentano un rischio di radiazioni dirette, chiamate radiazioni esterne. Il governo non indaga sulle conseguenze delle radiazioni interne, che ad esempio possono causare il cancro alla tiroide.

“In Giappone, c’è un tabù sulla ricerca dei potenziali effetti sulla salute del disastro”, ha detto Utsunomiya. Avverte: “Anche se fai ricerche, è difficile determinare quanto una persona stia inalando in quel momento. Quindi è difficile trarre conclusioni”. Di conseguenza, si sa poco del problema.

READ  Indignazione per l'invito del principe ereditario saudita al funerale di Elisabetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *