Uslu parlerà con John De Mol degli abusi sul gossip di mercoledì

Lo show online Boos è arrivato giovedì con un episodio su un possibile comportamento sessualmente trasgressivo La voce dell’Olanda. Il leader del gruppo Jeroen Rietbergen si è dimesso dopo aver ammesso di avere rapporti di “natura sessuale” con le donne coinvolte nel programma.

De Mol ha detto delle rivelazioni che spera che “diano l’esempio” e che se le vittime “capita di nuovo” hanno imparato “a suonare subito il campanello e a denunciarlo immediatamente”. Venerdì, Uslu ha detto di essere diventato “nauseato” dalle notizie di comportamenti sessualmente trasgressivi nello show e di volerne discutere con “le emittenti e John de Mol”.

Chat sociale

Fino al 2019, De Mol è stato il responsabile ultimo del programma da lui stesso ideato. Ha ricevuto molte critiche per i suoi commenti, soprattutto attraverso una pubblicità fatta dalle donne Talpa nel ANNO DOMINI. L’annuncio a tutta pagina recita “Caro John, non è colpa delle donne”.

Il magnate dei media ha risposto che si incolpa del fatto che la cultura all’interno della sua azienda non è stata vissuta come sicura e che si sarebbe impegnato “al 100%” a cambiarla. “Sono aperto a saperne di più su questo argomento con l’aiuto di esperti e a impegnarmi in un dialogo interno su questo. Spero che questo porterà anche a una discussione sociale più ampia.

Di fronte a boom-maker Tim Hofman, diciannove donne hanno raccontato la loro storia sul leader della band Jeroen Rietbergen, quindici su un regista e ci sono due denunce contro l’allenatore Ali B, una delle quali sarebbe stata presentata da un ex concorrente della trasmissione RTL. Una di queste accuse è per stupro, ha detto il pubblico ministero nell’episodio.

READ  Giorgia Palmas, polemica social sui suoi bracciali iPalms

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.