Van Baarle nomina la più grande differenza tra Jumbo-Visma e INEOS: “Ci lavoreranno da novembre”

Van Baarle nomina la più grande differenza tra Jumbo-Visma e INEOS: “Ci lavoreranno da novembre”

Per Dylan van Baarle, la sua prima gara per la Jumbo-Visma è stata una gara d’oro. Dopo un perfetto gioco di squadra, il veloce pilota è riuscito a conquistare la vittoria di Omloop Het Nieuwsblad e questo lo ha naturalmente soddisfatto. “Era in stile junior”, ha detto in conferenza stampa.

Van Baarle ha quindi vinto la prima gara della sua nuova squadra, ma in seguito ha accettato di correre per Jumbo-Visma. “Soprattutto all’inizio dell’inverno, ci è voluto un po’ per abituarsi. Mathieu Heijboer è ora il mio allenatore, che mi ha davvero impressionato perché dovevo prendermela comoda. L’anno scorso ho fatto un’ora in più come standard, ma è riuscito a spremerla.

“Mi rendeva un po’ nervoso”, ammette Van Baarle. “Sentivo che forse stavo facendo troppo poco e gliel’ho detto, ma mi ha tenuto calmo. Ha funzionato”, conclude ora. “L’intera transizione è stata un atto di fede per me. Merijn Zeeman ha detto a Tenerife che dovevo correre libero e provare a seguire il sistema, ho fatto abbastanza bene.

Van Baarle nomina la più grande differenza tra Jumbo-Visma e INEOS:

Van Baarle lavora a Omloop con Jumbo-Visma da novembre

‘Hai così tanti nuovi impulsi con una squadra così nuova: allenamento, alimentazione, attrezzatura. Devo dire onestamente che al ritiro di dicembre è stato ancora un po’ imbarazzante, ma a gennaio mi sono sentito subito completamente a mio agio”, continua Van Baarle, orgoglioso dei suoi uomini. “Ci stiamo lavorando da novembre, con il modo in cui vogliamo affrontare queste gare. Questa è la più grande differenza tra INEOS e Jumbo-Visma. Cerchiamo punti in cui vogliamo renderlo difficile. A volte è presto, a volte è tardi. Ma forse questo ci sorprende.

READ  Probabile formazione Cagliari: le possibili scelte di Ranieri

Ecco quanto forse è stato sorprendente l’attacco dell’olandese per la concorrenza. “Il mio attacco è stato istintivo, ma quando sono davanti gli altri ragazzi sono più a loro agio. In modo che potessero risparmiare le forze e proteggere la mia fuga, quella era la tattica. Ma non importava chi fosse.

Van Baarle non sapeva da molto tempo quale fosse la sua pista, ha detto in seguito ai giornalisti. “Ho capito solo all’ultimo chilometro che era mio. Non ho avuto alcun jet lag, dal momento in cui sono partito non ho sentito niente. Non ho visto alcun segno e nell’auricolare ho sentito solo scoppiettare che Christophe era nelle vicinanze. Era in stile junior, ma devi essere forte per eliminarlo. Ho fatto una cronometro dal Bosberg.

Tom van der Salm (Twitter: @TomvanderSalm) | e-mail: [email protected])

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *