Van Gaal elogia Frenkie de Jong: “Ecco perché penso che valga anche 112 milioni di euro”

Van Gaal elogia Frenkie de Jong: “Ecco perché penso che valga anche 112 milioni di euro”

L’allenatore della nazionale ha mandato in campo altri undici giocatori contro il Galles durante l’inizio della Nations League contro il Belgio venerdì. L’arancione ha trionfato a Bruxelles con un buon calcio a volte con 4-1, ma è stato molto più difficile contro il Galles.

“Abbiamo avuto troppe perdite di palla inutili nel primo tempo. E poi non puoi attaccare. Siamo appena arrivati ​​in porta prima dell’intervallo. Anche il Galles è stato sfortunato nel primo tempo, difensivamente sembrava buono”, ha detto Van Gaal, che ha portato due giocatori solidi a metà del secondo tempo con Frenkie de Jong e Steven Bergwijn. “Quando sono arrivati ​​​​eravamo in vantaggio per 1-0 ed è stato 1-1 dopo. Ma Frenkie ha introdotto un counter eseguito in modo fantastico, grazie al quale abbiamo comunque vinto. Porta con sé qualità extra, non dobbiamo discuterne. Ecco perché penso che valga 112 milioni di euro.

Teze e Schouten

Van Gaal era scontento di Jordan Teze e Jerdy Schouten, che hanno debuttato con l’Orange come giocatori di base. “Hanno perso troppa palla, soprattutto prima dell’intervallo”, ha spiegato il tecnico della nazionale.

“Schouten ha subito meno perdite di palla rispetto a Teze”, ha detto Van Gaal. “Ma ha sempre giocato la palla anche alla stazione più vicina. Preferisco che salti alcune stazioni. Anche se penso che alla fine Schouten abbia comunque ottenuto un assist.

Van Gaal ha visto Teze e Schouten esibirsi meglio in allenamento la scorsa settimana rispetto al nazionale del Galles. Ma l’ho già detto prima della partita: giocare in Nazionale è stressante. Vedi anche che la maglia arancione è pesante per Gakpo. Penso che abbia un talento fantastico, ma può fare molto meglio di quello che ha mostrato ora. Ha avuto anche un po’ di sfortuna la scorsa stagione, si è infortunato spesso.

READ  Pep Guardiola ha ancora motivo di lamentarsi dopo 5-0 | Calcio

Van Gaal non ha intenzione di trasferire i giovani giocatori dall’Orange alla sua selezione ora che le promesse si sono già qualificate per l’Europeo. “Se avrò giocatori infortunati, lo farò. Ma sostanzialmente continuerò con ciò che avevo programmato per queste quattro partite.

ass=subtitle style=”FONT-SIZE: 14pt; FONT-WEIGHT: grassetto; TEXT-ALIGN: sinistra; LINE-HEIGHT: 14pt; BACKGROUND-COLOR: #e0ebf6″>;

Van Gaal prudente con De Ligt

Van Gaal non è sicuro di poter chiamare Matthijs de Ligt nella partita casalinga della nazionale olandese contro la Polonia nella Nations League di sabato. Il difensore si è infortunato nell’ultimo turno della partita contro il Galles.

“Matthijs normalmente avrebbe iniziato contro la Polonia”, ha detto Van Gaal. “Ma ora devo aspettare. Di certo non lo sovraccaricherò. Se non lo fa, posso chiamare qualcun altro. Ho già detto quali giocatori mi piacciono”, ha riferito Sven Botman e Lutsharel Geertruida, che sono con i Dutch Juniors. “Non ho bisogno di menzionare di nuovo quei nomi.

Galles “ingenuo”

L’allenatore della nazionale Rob Page è rimasto deluso dalla sconfitta del Galles. “Se pareggia al 92′, allora devi apprezzare quel punto”, ha detto dell’1-1 di Rhys Norrington-Davies. “Penso che sia piuttosto ingenuo che abbiamo concesso un altro colpo.”

Il Galles non ha iniziato la Nations League con le stesse opportunità della nazionale olandese, della Polonia e del Belgio. “Scommettiamo tutto sulla partita di domenica scorsa contro l’Ucraina”, ha detto Page. “Ci siamo riusciti, dopo 64 anni possiamo andare al Mondiale. Ne siamo molto orgogliosi. Ma a causa della partita contro l’Ucraina, mercoledì scorso abbiamo giocato in panchina contro la Polonia. Abbiamo perso solo 2-1, ma abbiamo perso. E non abbiamo potuto giocare con la nostra squadra migliore contro l’Olanda a causa della partita contro l’Ucraina. È un peccato, ma le prossime quattro partite della Nations League ci vanno bene. Durante questi duelli, vogliamo abituarci al livello che possiamo aspettarci dai nostri avversari ai Mondiali”.

READ  a parte Mancini, Pessina e Politano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *