Van Klinken ha avuto dolori addominali in finale di Coppa del Mondo: “Come se gli organi venissero estratti” ORA

Van Klinken ha avuto dolori addominali in finale di Coppa del Mondo: “Come se gli organi venissero estratti” ORA

La lanciatrice di dischi Jorinde van Klinken è orgogliosa e felice dopo il suo quarto posto ai Mondiali di atletica leggera di Eugene, anche se la sua finale di mercoledì (ora locale) è stata tutt’altro che spensierata. La donna olandese di 22 anni è stata devastata da punti di sutura allo stomaco.

“All’inizio della finale, mi sono sentito pugnalato all’improvviso”, ha detto Van Klinken, che nella battaglia finale non è andato così lontano come nelle qualifiche di lunedì (da 64,97 a 65,66 metri). “Dopo il terzo lancio, è peggiorato. Come se le mie budella fossero state strappate via dallo stomaco.”

I punti hanno reso una questione di sopravvivenza per Van Klinken. “Non ho potuto fare a meno di concentrarmi sulla mia tecnica e non essere troppo occupato con essa. E ho preso del paracetamolo, ma non ha iniziato a funzionare fino a dopo la finale”.

Non era la prima volta che Van Klinken soffriva di dolori addominali durante una partita. “L’ho avuto due volte prima. L’ultima volta il dottore ha detto che forse era a causa della torsione dell’anca, sono alcuni muscoli”.

Le 6 migliori finali della Coppa del Mondo Discus

  • 1. Feng Bin (Cina) – 69,12 metri
  • 2. Sandra Perkovic (Croazia) – 68.45
  • 3. Valarie Allman (USA) – 68.30
  • 4. Jorinde van Klinken (Paesi Bassi) – 64.97
  • 5. Claudine Vita (Germania) – 64.24
  • 6. Liliana Ca (Portogallo) – 63.99

Il cinese Feng Bin è stato incoronato campione del mondo.


Il cinese Feng Bin è stato incoronato campione del mondo.

Il cinese Feng Bin è stato incoronato campione del mondo.

Foto: Getty Images

“Mi guardavano come conigli spaventati”

Van Klinken, che ha raggiunto per la prima volta la finale di un torneo importante all’Hayward Field Stadium, non crede che i punti siano stati il ​​risultato di uno sforzo. “Ero il più rilassato di tutti i finalisti. Stamattina mi sono svegliato con fiducia e ho visto tutti che mi guardavano come conigli spaventati. Poi ho pensato: sarà divertente. Quindi non può essere stress. Forse inconsciamente .”

READ  Champions League, Manchester City-Real Madrid 4-5 d.c.r.: Ancelotti in semifinale - Sport Mediaset

Van Klinken non vuole usare problemi fisici come scusa per la sua prestazione in finale. “Avrei potuto andare avanti senza quei punti, ma non si sa mai. Non ho intenzione di discuterne.”

Inoltre, l’Assense, che studia e vive negli Stati Uniti, è già più che soddisfatto. “Al momento posso essere molto contento di un quarto posto. A 22 anni sono il quarto disco al mondo, è strano”.

Jorinde van Klinken in azione durante la finale.


Jorinde van Klinken in azione durante la finale.

Jorinde van Klinken in azione durante la finale.

Foto: PAPÀ

“Voglio salire sul podio anche con un pallone”

Il quarto posto di Van Klinken è anche la migliore prestazione di sempre di un atleta olandese nel lancio del disco in una Coppa del Mondo. In parte perché quasi tutti i suoi concorrenti sono molto più anziani, questo potrebbe essere solo l’inizio di una grande carriera di successo. A cominciare dai Campionati Europei di atletica leggera di Monaco il mese prossimo. “Voglio ottenere una medaglia lì.”

La particolarità è che Van Klinken è attivo anche come putter. Finora si è comportata meglio come lanciatrice di dischi, ma questo non la rende meno ambiziosa.

“Ora mi presento principalmente come lanciatore di dischi, perché come lanciatore del peso sono più in un processo di apprendimento. Ma voglio anche raggiungere il podio a Monaco con la palla. Due medaglie ai Campionati Europei, ecco cosa sono andando per.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *