sangue caldo è apparso venti milioni di anni dopo il previsto, in un batter d’occhio

sangue caldo è apparso venti milioni di anni dopo il previsto, in un batter d’occhio

È una delle migliori invenzioni della natura. Alcuni animali hanno il proprio riscaldatore. Mentre le rane o i serpenti devono sdraiarsi al sole per riscaldarsi un po’, i mammiferi e gli uccelli regolano da soli la loro temperatura corporea. Questo offre grandi vantaggi. Gli animali a sangue caldo non solo sono stati in grado di diffondersi in tutti gli angoli della terra, ma sono anche molto più attivi e mobili. Un corpo caldo può assorbire l’ossigeno molto meglio.

Quando questa invenzione è stata fatta era un grande mistero. Si pensava che circa 252 milioni di anni fa. All’inizio del Triassico, poco dopo la grande ondata di estinzione. Ma come dimostrarlo? Non può essere visto dai resti fossili di quel tempo. Non puoi leggere la temperatura corporea o se l’animale ha condotto una vita attiva.

Forse indirettamente, pensavano due paleontologi di Lisbona e di Parigi. Un animale che corre e salta deve poter contare molto di più sul suo sistema vestibolare rispetto a un serpente pigro. Questo organo ha dovuto adattarsi all’introduzione di sangue caldo. E puoi vedere questo adattamento nei fossili, scrivono in una rivista di settore mercoledì. Natura.

Ossa dell’orecchio interno più piccole e sottili con canali più stretti

Il sistema vestibolare è una raccolta di ossa cave nell’orecchio interno, contenenti un fluido viscoso, l’endolinfa. Dallo sciabordio di questo liquido e dalla pressione contro le pareti, l’organo legge cosa sta succedendo su e giù, come si muove il corpo e qual è la posizione della testa. Questa registrazione deve essere più diretta per un animale mobile. E altrettanto importante: in un animale caldo, l’endolinfa diventa meno viscosa. Proprio come il miele diventa più sottile quando lo scaldi. Nel complesso ciò significa che le ossa dell’orecchio interno avrebbero dovuto diventare più piccole, più sottili e con canali più stretti.

Con questo in mente, i paleontologi hanno raccolto le dimensioni di 341 animali, caldi e freddi, vivi ed estinti, e hanno ricostruito lo sviluppo del sistema vestibolare degli animali a sangue caldo. Questo deve essere accaduto 233 milioni di anni fa, concludono, venti milioni di anni dopo di quanto si pensasse. Questo avveniva prima della comparsa dei primi mammiferi, circa 200 milioni di anni fa. I primi animali a sangue caldo furono probabilmente i cinodonti, antenati dei mammiferi, un tipo di primi ratti.

La pelliccia e la caccia notturna

Anche l’introduzione è andata veloce. Nel giro di un milione di anni – un battito di ciglia in termini evolutivi – alcuni animali sono stati in grado di vivere a sangue caldo. Questo si adatta bene ad altri sviluppi dell’epoca come la pelliccia (facilita il mantenimento del proprio calore) e i baffi (utili con nuove possibilità a sangue caldo, come le spedizioni notturne).

i commentatori di Natura sono impressionati dallo studio che collega la paleontologia con la biomeccanica e la statistica. Vedono un’obiezione. Di questi 341 animali, solo tre provengono da questo periodo di transizione e non sono mammiferi.

Questo rende le statistiche un po’ incerte. Si spera che i ricercatori abbiano torto sulla loro stima di dieci o venti milioni di anni. E poi siamo di nuovo con una discrepanza che ha portato anche a vecchie stime. Ma, scrivono, “con questo approccio rinfrescante, hanno dato a questa ricerca uno slancio innovativo”.

Leggi anche:

250 milioni di anni fa iniziò la cacofonia del regno animale

Il fossile di a Cavalletta che ha vissuto 250 milioni è la prima prova di uno strumento sonoro di animali.

READ  Il satellite olandese trova discariche con impatto climatico di oltre 2 milioni di auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *