Venezuela, l’accusa dell’Onu: Maduro responsabile di crimini contro l’umanità

L’ONU accusa Nicolás Maduro di crimini contro l’umanità e chiede che venga processato dalla Corte internazionale dell’Aia. Con una dichiarazione che esprime la sintesi di un rapporto duro e dettagliato redatto da un gruppo di investigatori a seguito di una lunga indagine nel Paese sudamericano, le Nazioni Unite affermano che le forze di sicurezza ei loro gruppi alleati hanno commesso “violazioni sistematiche dei diritti umani”. , compresi l’omicidio e la tortura che costituiscono crimini contro l’umanità “.

Lo scrive Reuters con chi Bbc riporta grandi estratti del rapporto che inchioda il presidente del Venezuela ei suoi ministri della Difesa e dell’interno, Néstor Reverol e Vladimiro Padrino López, a pesanti responsabilità. La maggior parte delle esecuzioni illegali da parte di agenti statali “, sottolinea il fascicolo,” non sono state indagate e portate in giudizio in Venezuela, un paese in cui lo stato di diritto e le istituzioni democratiche hanno fallito. “.

La missione investigativa delle Nazioni Unite ritiene che la Corte penale internazionale, così come altre istituzioni legali nazionali, che ha avviato uno studio preliminare in Venezuela nel 2018, dovrebbero processare le persone coinvolte. Gli esperti sono pronti a consegnare i dati contenenti i nomi degli agenti individuati dalle vittime. “Il gruppo”, prosegue il rapporto, “ha raggiunto ragionevoli motivi per ritenere che le autorità venezuelane e le forze di sicurezza abbiano pianificato e perpetrato violazioni dei diritti umani dal 2014”. Tra questi gli omicidi e l’uso sistematico della tortura che, secondo la presidente del gruppo investigativo Onu, Marta Valinas, “sono crimini contro l’umanità”.

READ  Decisione olandese di far saltare in aria il pacchetto di stimoli

Maduro e il suo governo non hanno risposto al rilascio del rapporto. Ma è probabile che lo faranno nelle prossime ore. Un’accusa così pesante, avanzata da un organismo internazionale che lo stesso presidente aveva invitato in Venezuela per dimostrare che tutto andava bene e che le accuse dell’opposizione e degli espatriati non erano altro che calunnia, non può lasciarlo indifferente. Soprattutto ora che ha adottato un atteggiamento molto più aperto nei confronti dei negoziati che portano alla pacificazione, ha liberato duecento prigionieri politici, ha ottenuto la partecipazione alle elezioni legislative previste per dicembre da Henrique Capriles, uno dei principali rappresentanti del dissenso. , già due volte candidato alle elezioni presidenziali, sconfitto per una manciata di voti prima da Hugo Chávez poi dallo stesso Maduro.

Il nuovo rapporto segue l’altrettanto critico rapporto, ma con sfumature diverse, scritto dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet. L’ambasciatore venezuelano alle Nazioni Unite Jorge Valero è rimasto sorpreso dai risultati della missione. “Avevamo ripreso i rapporti con Bachelet e avviato un programma di visite in carcere”, ricorda. “Il rapporto mina il dialogo in corso e si aggiunge alle pesanti sanzioni imposte dal presidente Trump che stanno causando sofferenza e morte al popolo venezuelano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *