Verstappen si prende la rivincita e fa segnare il miglior tempo nelle FP2, Sainz cade e provoca bandiera rossa

Verstappen si prende la rivincita e fa segnare il miglior tempo nelle FP2, Sainz cade e provoca bandiera rossa

Max Verstappen si è lasciato alle spalle i problemi della prima sessione di prove completando la seconda prova più veloce. Charles Leclerc ha dimostrato che la Ferrari aveva un pacchetto solido a Monaco finendo secondo e Carlos Sainz si è schiantato contro i guardrail, ma il suo tempo è stato abbastanza buono per il terzo posto.

Come la prima sessione, anche la seconda sessione di prove libere a Monaco si è svolta in condizioni piacevoli. C’erano circa 26 gradi Celsius e il sole era in pieno svolgimento. Verstappen non ha avuto un buon feeling con la sua RB19 nella prima sessione di prove libere e Christian Horner ha già rivelato che la squadra stava provando qualcosa e non ha funzionato molto bene. Alexander Albon ha chiuso il primo allenamento con un calcio al muro e visti i danni era discutibile se potesse intervenire nel secondo allenamento.

Problemi con Verstappen

All’inizio della seconda sessione di prove libere, c’era un intero gruppo di macchine in attesa del semaforo e la missione era fare più metri possibile. Non solo Albon ha dovuto aspettare nel box, ma anche Lando Norris ha dovuto guardare dai box al via. La MCL60 del britannico era ancora in lavorazione e l’auto era ancora sul cric. Quasi tutti montavano gomme medie, tranne il duo Ferrari. Max Verstappen è stato l’uomo più veloce dopo dieci minuti con un 1:13.857 e questo sembrava risolvere i problemi dai primi ribassi. Lewis Hamilton era solo un decimo più lento in quel momento e Fernando Alonso è passato al terzo posto. Carlos Sainz alla fine ha dovuto ancorarsi forte, il che gli ha permesso di evitare il suo compagno di squadra Charles Leclerc, che era nel suo outlap.

READ  duro comunicato stampa dell'Unione RAI

Perez non viene

Norris è stato inviato in pista dopo un’attesa di quindici minuti nella speciale combinazione di colori MCL60 questo fine settimana. Al suo primo giro non è andato oltre la P19, mentre il compagno di squadra Oscar Piastri era al 15° posto in quel momento. Nyck de Vries era al top della forma nella fase iniziale dell’allenamento. L’olandese è stato solo due decimi più lento del suo compagno di squadra Yuki Tsunoda. Carlos Sainz è riuscito a portare la sua Ferrari al secondo posto pochi istanti dopo ed era a circa due decimi da Verstappen, ma ha anche guidato più veloce con una mescola. Ci è voluto del tempo prima che il “Re delle strade” Pérez si affermasse, ma alla fine è riuscito a salire al secondo posto dopo una ventina di minuti. Tuttavia, ha avuto un altro momento dopo e ha infastidito Sainz quando ha tagliato la New Chicane. Verstappen nel frattempo stava lavorando anche sui tempi viola e ha affinato il suo miglior tempo a 1:13.312, che lo ha reso tre decimi più veloce del suo compagno di squadra.

Simulazione di qualificazione

Alonso alla fine è stato il primo pilota ad uscire con gomme morbide ed è stato logicamente subito l’uomo più veloce con un 1:12.786. Anche il suo compagno di squadra Lance Stroll era rosso, ma non è andato oltre P3. De Vries alla fine ha fatto avvitare anche le gomme rosse sotto la sua AlphaTauri e ha impressionato, dato che era solo due centesimi più lento di Tsunoda.

Nel frattempo, entrambe le Mercedes correvano anche con la gomma più morbida e Russell e Hamilton erano P3 e P4 nell’ordine di battuta. Verstappen e Pérez erano ancora ai box a guardare lo spettacolo, mentre Sainz è riuscito a prendere il comando con un 1:12.569. Leclerc ha perso tre decimi dal compagno di squadra ed è balzato al terzo posto. Nel frattempo era entrato in pista anche Verstappen che aveva subito fatto segnare un tempo viola nel primo settore, ma non è riuscito a seguire la linea viola in questo giro, balzando al terzo miglior tempo con un 1:12.737. Anche Pérez non è andato oltre il quinto posto con le sue nuove gomme rosse.

READ  Il capo del team Red Bull Christian Horner risponde a Toto Wolff | Auto sportiva

Fase finale

A venti minuti dalla fine è iniziata la fase finale del secondo allenamento a Monaco. Verstappen è stato veloce ed è riuscito a segnare un 1:12.462 con tre settori verdi, riportando così Sainz al secondo posto. Alonso era già in mezzo al traffico all’inizio dell’allenamento e in una gara successiva ha dovuto anche aggirare i suoi colleghi e ha riferito alla radio di bordo che era “senza parole” per tutto il traffico. Sainz ha causato la prima situazione di bandiera rossa della sessione a diciassette minuti dalla fine. Lo spagnolo ha colpito la ringhiera all’uscita dalla “piscina” ed è andato di traverso contro il muro. Fino ad allora, Sainz stava andando bene.

Recupero dopo la bandiera rossa

Dopo la neutralizzazione, è stato Albon a scendere in pista dopo la caduta durante i primi test. Quando ha fatto segnare il suo miglior tempo, si è avvicinato di nuovo al muro, esattamente dove era volato via nella sessione precedente. Alla fine ha stabilito un 1:14.515 e con questo è stato il più lento, ma soprattutto la macchina era di nuovo pienamente utilizzabile. Hamilton ha spinto nella fase finale, ma è uscito dal tunnel troppo velocemente e ha tagliato la chicane e non ci sono stati ulteriori miglioramenti del tempo. Improvvisamente, Verstappen è rimasto in P1 con un 1:12.462, Leclerc è a soli 65 millesimi e Sainz è riuscito a chiudere la sessione al terzo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *