Violento alterco sull’Ucraina nel Consiglio di Sicurezza

Gli Stati Uniti e la Russia si sono scontrati verbalmente in una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite lunedì per la concentrazione delle truppe russe al confine con l’Ucraina.

Gli Stati Uniti hanno accusato la Russia di mettere in pericolo la pace radunando almeno 100.000 soldati e armi pesanti al confine con l’Ucraina. La Russia ha accusato gli Stati Uniti di inganno, diplomazia megafonica, comportamento teatrale, isteria e fomentare la paura. Gli Stati Uniti hanno esortato altri membri delle Nazioni Unite a chiedersi “quanto ti sentiresti a disagio con 100.000 soldati al tuo confine”.

I 15 membri del Consiglio di sicurezza sono praticamente impotenti nel confronto tra Russia e Occidente sull’Ucraina perché la Russia ha potere di veto nel consiglio. Una decisione o una dichiarazione congiunta è quindi praticamente impossibile.

Come spesso accade lunedì, il consiglio ha agito come una piattaforma su cui le maggiori potenze possono tentare di piegare l’opinione pubblica mondiale alla loro volontà. La crisi ucraina è anche una battaglia di propaganda e un incontro delle Nazioni Unite è un round in questa battaglia.

“Situazione urgente e pericolosa”

Gli Stati Uniti avevano richiesto l’incontro perché temono che la Russia fosse sull’orlo di un’escalation militare per violare la sovranità dell’Ucraina e quindi violare la Carta delle Nazioni Unite. “La situazione è urgente e pericolosa”, ha affermato l’ambasciatore statunitense Linda Thomas-Greenfield. “Le azioni russe vanno al cuore della Carta”.

Subito dopo l’apertura dell’incontro da parte del presidente norvegese, la Russia ha chiesto la parola, cercando di chiudere immediatamente l’incontro. La concentrazione del personale militare, ha affermato l’ambasciatore russo Vasili Nebenzja, non è affatto un problema internazionale. Dopotutto, si tratta dello stazionamento di soldati russi sul territorio russo. Sono affari della Russia, il resto è isteria, secondo Nebenzia, insomma.

READ  la rabbia dei passeggeri e un video shock - Libero Quotidiano

Nebenzja, la cui testa pelata e i cui commenti sarcastici si sono distinti alle Nazioni Unite dal 2017, non aveva abbastanza sostenitori per fermare l’incontro. Il veto non funziona su questioni minori, come la definizione dell’ordine del giorno. Gli Stati Uniti avevano bisogno di otto sostenitori per forzare un incontro e ne avevano nove. Solo la Cina ha votato contro con la Russia. Tre paesi, tra cui l’India, si sono astenuti.

L’ambasciatore Usa ha sottolineato che almeno 100 incontri diplomatici sulla crisi ucraina si sono già svolti a porte chiuse e ora è il momento di parlarne apertamente. Se la Russia invaderà l’Ucraina, ha detto, “nessuno può dirlo: non ce l’aspettavamo”.

Nebenzya ha ribadito che la Russia vuole la pace e gli Stati Uniti vogliono creare un cuneo tra le nazioni amiche Russia e Ucraina. Ha accusato gli Stati Uniti di presentare un misto di accuse che non sono basate sui fatti. Si chiede da dove provenga la cifra di 100.000 soldati. “Non lo abbiamo mai confermato”.

L’ambasciatore russo non ha esitato a pronunciare parole grosse e pesanti accuse. Secondo quanto riferito, gli Stati Uniti hanno portato al potere a Kiev nel 2014 un regime di “nazionalisti puri, radicali, russofobi e nazisti”. Hanno anche accusato Thomas-Greenfield di sperare segretamente in una guerra in Ucraina. “Vuoi che ciò accada, in modo che le tue stesse parole diventino realtà.” Pochi istanti dopo, quando all’ambasciatore ucraino è stata concessa la parola, Nebenzya ha lasciato la riunione.

smascherato

La sala con il tavolo da conferenza a forma di ferro di cavallo è stata spesso teatro di drammatici scontri politici durante le crisi internazionali.

READ  Non avevo ancora fretta, ma sarebbe stato troppo anche per il Dalai Lama

L’esempio più famoso è l’incontro sulla crisi missilistica cubana del 25 ottobre 1962. L’ambasciatore statunitense all’ONU Adley Stevenson ha poi denunciato Valerian Zorin, ambasciatore dell’Unione Sovietica, come bugiardo. Dopo che Zorin ha negato con veemenza che Mosca avesse di stanza missili a Cuba, Stevenson ha presentato riprese aeree di Cuba per dimostrare il contrario.

Lo smascheramento di Zorin non ha risolto la crisi missilistica cubana, ma è stata una vittoria nelle pubbliche relazioni ed è passata alla storia come una gloriosa performance per gli Stati Uniti.

Lo stesso non si può dire per le azioni del segretario di Stato Colin Powell, che nel 2003 al V Consiglio ha affermato di avere prove che il leader iracheno Saddam Hussein possedesse armi di distruzione di massa. Powell brandì una fiala di polvere da sparo, ma in seguito divenne chiaro che l’Iraq non aveva armi di distruzione di massa.

Nebenzja ha ricordato delicatamente la performance di Powell sull’Iraq. E, ha detto, “sappiamo tutti cosa è successo a questo paese”.

Leggi anche:Jaap de Hoop Scheffer: “Lascia che gli ucraini determinino il proprio destino”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *