Vittime dell’attacco alla scuola in Uganda gravemente ustionate, non tutte ancora identificate

Vittime dell’attacco alla scuola in Uganda gravemente ustionate, non tutte ancora identificate

I parenti portano una bara di una delle vittime dell'attacco all'esterno della scuola.  Immagine dell'ANP/EPA

I parenti portano una bara di una delle vittime dell’attacco all’esterno della scuola.Immagine dell’ANP/EPA

L’attacco è avvenuto venerdì sera alle 23 nel comune di Mpondwe, a due chilometri dal confine con la Repubblica Democratica del Congo (RDC). Gli aggressori hanno appiccato il fuoco a un dormitorio per bambini e rubato del cibo. I soldati ugandesi hanno inseguito gli aggressori, che sono fuggiti al Parco nazionale di Virunga oltre il confine, ha detto la polizia.

Il ministro dell’istruzione ugandese Janet Museveni ha detto che 38 studenti erano tra i morti. Anche una guardia e altri tre civili sono stati uccisi. Le vittime sono state attaccate con machete, fucilate e bruciate vive nei loro dormitori. Otto persone sono rimaste gravemente ferite e sono ricoverate in condizioni critiche.

Molti dei morti sono stati ustionati così gravemente che una rapida identificazione è impossibile. I loro resti sono stati spostati nella città di Fort Portal dove saranno condotti i test del DNA per determinare la loro identità.

L’esercito “darà la caccia a questi cattivi e loro pagheranno per quello che hanno fatto”, ha detto sabato Museveni. Esercito e polizia si sono anche impegnati a liberare le sei persone rapite dagli aggressori.

Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’UNHCR, dal gennaio 2021 le ADF hanno ucciso circa 200 civili e sfollato quasi 40.000 persone. Oltre ai civili, il gruppo ribelle attacca regolarmente anche le truppe delle Nazioni Unite. L’Uganda ha inviato truppe nella regione di confine e nella vicina RDC per aiutare a combattere l’ADF.

La domanda è quindi come le ADF abbiano potuto portare a termine il loro attacco nella zona di confine che brulica di soldati. Il maggiore generale ugandese Dick Olum ha detto all’agenzia di stampa AFP che i servizi di intelligence avevano segnalato i combattenti dell’ADF nell’area due giorni prima dell’attacco che presumibilmente avevano informazioni dettagliate sulla scuola.

READ  I blogger russi chiedono più guerra e mobilitazione generale

È stato a lungo molto instabile nell’est della Repubblica Democratica del Congo e nella zona di confine tra Uganda e Ruanda. Dei molti gruppi armati attivi lì, le forze democratiche alleate (ADF) sono le più famose.

L’ADF è stata fondata nel 1996 ed è un alleato del gruppo terroristico somalo al-Shabaab. Nel 2004, i combattenti si sono trasferiti nella RDC dopo che l’esercito ugandese ha decimato il movimento con un’operazione militare. Secondo vari Africa watcher, lì il gruppo ribelle si sarebbe unito all’IS.

L’attacco alla scuola è il più mortale dell’Uganda dal doppio attacco di al-Shabaab nel 2010 che ha provocato la morte di 76 persone. Nel 1998, un attacco dei combattenti dell’ADF contro un’altra scuola nella zona di confine provocò 80 morti e più di 100 studenti rapiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *