Vladimir vive a Kherson occupata: “Mia madre muore a causa dei russi”

Vladimir vive a Kherson occupata: “Mia madre muore a causa dei russi”

Vladimir è furioso. “Siamo stati uccisi dai russi”, ha detto con rabbia. “Ogni giorno le persone muoiono. E perché ? Perché devono morire?

Vive nella città di Kherson, nell’Ucraina meridionale, che è leggermente più grande di Eindhoven. È la prima e finora l’unica grande città ad essere sotto il controllo russo. Vladimir, 42 anni, normalmente lavora in a birrificio localevicino al centro, ma ora la sua vita è dominata principalmente dall’aiuto ai colleghi e ai parenti.

Come sua madre, ricoverata ieri. “Lei ha avuto un infarto. Senza dubbio è stato causato dai russi, quei bastardi. Non li perdonerò mai”. Teme per la sua vita, a causa della carenza di medicinali e di personale sanitario qualificato. “Potrebbe morire in qualsiasi momento, grazie all’esercito russo”.

Carri armati nelle strade

L’esercito russo è ovunque in città, dice Vladimir, ma non è chiaro fino a che punto controlli la città ribelle. Gli edifici più importanti, come l’ufficio del governo regionale e la stazione ferroviaria, sarebbero in mano russa. Ma allo stesso tempo ci sono proteste quasi quotidiane contro l’occupazione in città o nei villaggi circostanti. Lo scorso fine settimana migliaia di persone sono scese in piazza; centinaia al massimo.

A giudicare dalle riprese video, le proteste sembrano poter procedere in modo relativamente tranquillo. I soldati russi sparano regolarmente colpi di avvertimento, ma non sembrano essere in inferiorità numerica. Secondo le autorità ucraine, centinaia di manifestanti sono stati arrestati in tutta la regione di Kherson, ma ciò non può essere verificato.

Kherson ha un valore strategico grazie alla sua posizione sul delta del Dnepr. A nord della città c’è uno dei pochi ponti sul Dnepr. Dalla Crimea, l’esercito russo si sposta attraverso Kherson in prima linea a Mykolaiv e successivamente a Odessa.

READ  Vacanze sul freno a mano, ma in sofferenza nani Ucraina

L’ultima situazione nel sud dell’Ucraina:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *