Voglio restare! È andata così con l’allenatore, il suo futuro… ”- SOS Fanta



dal 7 maggio 2021 alle 9:45

Lunga intervista esclusiva con Christian Eriksen oggi sulle pagine di La Gazzetta dello Sport. Scelta, scudetto, conte e futuro nelle dichiarazioni del centrocampista nerazzurro: queste le idee principali.

VENDETTA – “Non ho vendetta da prendere contro nessuno.” Gioco solo a calcio: a volte va bene ea volte è male. Quindi questo sport cambia rapidamente, quasi ogni settimana. Sei mesi fa mi trovavo in una certa situazione, ma ora abbiamo vinto un trofeo e posso solo dire che sono molto contento di essere all’Inter ”.

CICLO – “Questo campionato è stato difficile da raggiungere e lo abbiamo fatto a 4 giorni dalla fine: è un buon punto di partenza… Adesso possiamo continuare e costruire un ciclo. Vincere nove scudetti consecutivi sarà difficile, ma proveremo a costruire qualcosa di bello, vediamo cosa succederà ”.

FUTURO RACCONTO – “Conte è molto importante per tutti, anche per il modo in cui giochiamo. Seguiamo le sue istruzioni alla lettera e si vede a terra. Siamo tutti felici di aver vinto con lui. Ma la sua permanenza non è una mia decisione: dipende da lui e dalla società ”.

ANCORA FAVOLA – “Dove va, Conte vince ed è impressionante. Ho immaginato il suo spirito vincente quando ho firmato e poi l’ho visto con i miei occhi, parlargli e vederlo lavorare ogni giorno. Sono felice di averlo come allenatore. Abbiamo un rapporto professionale: so che vuole il meglio di me, continua a dirmelo e io do tutto ”.

RAPPORTO CON MISTER – “Quello che all’inizio non ho capito è che dovevo sempre seguire il sistema di Conte. Che dovevo giocare e ricordare tutti i pezzi che aveva preparato per la squadra. In precedenza ero più abituato all’intuizione, ero libero di prendere decisioni in un secondo in base a ciò che vedevo. Con l’allenatore invece c’è sempre un piano generale da seguire. Devi essere pronto, sapere sempre dove sono i tuoi compagni di squadra e dove possono andare. Ho dovuto imparare tutto questo, adattarmi a un ritmo diverso, poi a gennaio abbiamo parlato e ho iniziato a suonare di più ea dimostrare che ero capace ”.

READ  SKY - Napoli, nuova maxi richiesta per Milik: Fienga si oppone e dice no! Tutti i dettagli

TENSIONI – “Se Conte mi ha fatto giocare così poco è perché, ovviamente, ha pensato che potessi essergli utile in questi minuti. Non c’era niente di personale. È chiaro quindi che mi sarebbe piaciuto giocare di più, ma ho sempre rispettato le sue scelte. Sapevo che l’opportunità si sarebbe presentata e che avrei dovuto approfittarne. E così è stato ”.

FUTURO – “Sei mesi fa avrei potuto essere escluso, è vero, ma ora è cambiato tutto. Nessuno può prevedere il futuro, ma sono felice di restare qui e di avere uno scudetto sul petto ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *