“Vorremmo che tutti gli allenatori facessero come la Juventus in Champions”

Il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli ha rilasciato una lunga intervista a Ivan Cardia per le testate TMW e TuttoC. Ecco il suo pensiero: “Siamo di fronte a una pandemia la cui consapevolezza sfugge alle autorità sanitarie e scientifiche. Viaggiare con cautela e attenzione, favorire la salute, mi sembra il minimo. Questo studio, per il quale ringrazio il lavoro del professor Braconaro (Francesco, membro del comitato tecnico-scientifico della FIGC, ndr) e la passione di tutti i medici delle società, è un laboratorio che abbiamo potuto allestire e che, tra l’altro pone un problema importante, che abbiamo sottoposto anche alla Federcalcio: il ruolo del medico all’interno dei club va riconosciuto, dandogli una definizione precisa ”.

Il picco del nono giorno. Hai davvero pensato alla possibilità di fermare il campionato a quel punto?

“Lo studio mostra chiaramente che c’è stata una fase in cui, se la curva avesse continuato a salire, il problema sarebbe dovuto sorgere. Poi la diffusione delle voci è cambiata e sembrava che stessimo pensando di fermare il campionato per recuperare ”.

Non era una possibilità?

“Assolutamente no: se fai recuperi e ci sono tanti recuperi, è come continuare il campionato. Non avrebbe avuto molto senso ”.

I calciatori sono un campione importante.

“Beh, stiamo parlando di oltre 4000 persone controllate quotidianamente, penso che sia una cosa utile non solo per tutto il calcio, ma che possiamo mettere a disposizione di chiunque voglia usarlo. E continueremo su questa strada: da questa settimana siamo i primi ad iniziare con l’utilizzo di test rapidi in fluorescenza, che hanno una grande affidabilità e consentono una diversa capacità organizzativa ”.

I tamponi molecolari pesano sui club.

“Significano un’organizzazione più lunga nel tempo e anche costi più elevati. È stato uno dei lavori a cui abbiamo prestato maggiore attenzione. Siamo stati i primi a fare un accordo con Federlab, ora si è diffuso anche a tanti altri sport e temi. È stato un lavoro molto importante. E lo abbiamo offerto come contributo, se posso, al calcio che fa bene al Paese ”.

READ  Lazio in attesa di scuse. E ora il `` mago '' rischia alla grande ...

Adesso? I numeri promettono bene.

“Non dobbiamo essere ottimisti. Abbiamo già visto cosa succedeva in estate, anche in campagna: quando pensavamo che la strada fosse pianeggiante, siamo caduti nella seconda ondata. Ora la situazione è migliore, ma pensa a cosa potrebbe accadere con la corsa all’influenza a gennaio. L’attenzione deve restare alta ”.

Parliamo dei costi. Perché la Premier League sostiene le categorie inferiori e la Serie A no?

“Penso che sia lo stesso problema che abbiamo anche quando discutiamo di riforme: non pensiamo in un sistema. Ho scritto a Dal Pino per la prima volta quando il Presidente del Consiglio si è avvicinato. E vorrei sottolineare una cosa: in questo caso la proposta non è stata accolta da Campionato e Ligue 1, perché si sentivano offensivi per la cifra offerta, non ne riconoscevano il ruolo e la storia. Solo ieri hanno raggiunto un accordo con un segnale enorme. Non ho chiesto assistenza, ma è la leadership in Serie A, la capacità di guidare il calcio italiano, ciò di cui abbiamo davvero bisogno. Se posso, A ha una visione miope ”.

Ieri il Consiglio federale. Come ha affrontato la riforma richiesta dalla Serie B, che vorrebbe tornare a 22?

“In un modo molto isolato, se puoi dirlo. Perché è davvero giunto il momento per una riforma del sistema, per avere una visione che pensi all’interesse generale. In questo, questa proposta della Lega B era fuori luogo, il che era però contraddittorio con quanto accaduto solo due anni fa. Volevano arrivare a 18 senza fare il draft, quindi non possiamo dire subito che andremo a 21-22. Negli ultimi anni, siamo l’unica Lega ad aver potuto riformare e ridurre il numero dei suoi club. Ma lo abbiamo fatto senza appesantire gli altri. Dobbiamo pensare come un sistema, e lo abbiamo ribadito anche nell’incontro che si è tenuto oggi in Lega ”.

READ  Chievo, addio Serie B: rigetto il ricorso. Cosenza redatto

In cui hai annunciato il sostegno al rinnovamento di Gravina.

“Serve una proposta in cui le questioni della propria Lega siano in secondo piano e in cui si pensi all’interesse generale. Per questo abbiamo dato mandato a Gabriele Gravina, da una Lega che fa capire che è necessaria una visione generale del problema. Ho già utilizzato un’immagine coloratissima, tratta da un concilio svoltosi a Viterbo in cui il Papa non voleva essere eletto: i cardinali furono chiusi in conclave (per la prima volta nella storia, ndr), fino a ‘che lo hanno eletto. Penso sia utile anche per il calcio italiano, che ha bisogno di una riforma, senza polemiche strumentali come quelle degli ultimi mesi: chi ha proposto B1 e B2, per far sparire C, non pensa al bene del tutti “.

Quanto alla candidatura di Gravina: non sarebbe stato meglio che parlasse l’assemblea del club?

“Sicuramente sì, ma succederà. C’è un legame profondo con Gabriele Gravina, c’è un percorso comune, che va dalle riammissioni al lavoro sulla giustizia sportiva, ai provvedimenti che hanno impedito il ripetersi del caso Pro Piacenza, a tante regole innovative. C’è un legame chiaro ed evidente, quindi i presidenti esprimeranno la loro volontà ”.

A proposito, avete fissato una data per le vostre elezioni?

“Vorrei che fosse presente l’assemblea elettiva. Cerchiamo una struttura che lo permetta: non appena la troveremo la ripareremo. I tempi sono quelli, avverrà a gennaio ”.

Lavori per il governo da tempo. Quando sei?

“Oggi, come comitato 4.0 (che unisce la Lega Pro con i principali campionati di basket e pallavolo, ndr), abbiamo diffuso un comunicato. 245 aziende hanno evidenziato il problema che abbiamo: se gli interventi non arrivano, per molte di loro c’è un rischio concreto di chiusura, di default. Dobbiamo agire adesso: ne vediamo alcuni in una serie di emendamenti presentati in Parlamento che speriamo vengano approvati. Occorrono azioni concrete: diamo atto ai Ministri Spadafora e Gualtieri di essersi mossi in questa direzione. Così come riconosciamo l’operato di Bonaccini, presidente della Conferenza Stato-Regioni. Dobbiamo passare ai fatti concreti. Abbiamo bisogno di agire su molte cose: sgravi fiscali, limiti di tempo, liquidità, attuazione del credito d’imposta, apprendimento. Tra l’altro, quest’ultima non costa nulla allo Stato. Si tratta di misure che speriamo vengano attuate nelle prossime settimane. La colpa è tra il calcio d’élite e il dilettantismo soffre: il Paese rischia quindi di impoverirsi ”.

READ  Le probabili formazioni di Verona-Inter: solo un cambio per Conte? Juric si affida a due ex

In questa colpa c’è spazio anche per eventi poco chiari. Sei preoccupato per Livorno?

“Sono molto preoccupato. È un posto grande, vive una situazione che si trascina dalle iscrizioni, che erano perfettamente regolari. Poi sono iniziati questi balletti proprietari e continuano: nulla giustifica atti di violenza e che deve essere chiaro, ma serve un posto glorioso come quello del Livorno per avere risposte veloci. Bisogna rispettare la maglia e la storia, sia della città che della squadra ”.

A proposito di violenza, l’episodio di Foggia è terribile.

“Ho parlato con Gentile. Un ragazzo serio e robusto: un episodio del genere è impensabile mentre i bambini dormono. La polizia deve essere riconosciuta per il loro intervento, ma è inaccettabile che ciò sia accaduto e mi auguro che chi lo ha commesso venga assicurato alla giustizia ”.

Questo pomeriggio Pirlo ha ricordato l’importanza della seconda squadra per la sua Juventus. La C che va alla Champions League.

“È vero, ma ci sono molti dati positivi: alcuni giovani molto interessanti stanno prosperando nel nostro campionato. C’è un problema in questo Paese: perché la Nazionale di Mancini sta andando così bene? Perché l’allenatore ha avuto il coraggio di puntare sui giovani. Bisogna avere il coraggio di Mancini: vorremmo che tutti gli allenatori lo avessero e lasciassero giocare questi giovani, come fa la Juve in Champions. Questa è una delle nostre missioni ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *