Xiaomi vuole bloccare l’estrazione dei file .apk su Android e Google lo rifiuta – Tablet e Telefoni – News

Uno sviluppatore Xiaomi ha inviato una patch all’Android Open Source Project per impedire agli utenti di estrarre le app installate come file .apk. L’amministratore AOSP di Google non sarà d’accordo.

Il dipendente Xiaomi Guowei Du ha suggerito il moneta nel codice sorgente di Android con il commento: “I file .apk possono contenere dati riservati, quindi non dobbiamo consentire ad altri di farlo sparare.” Gli sviluppatori di Google sostengono che il contenuto di un .apk non dovrebbe rimanere segreto e che coloro che vogliono davvero estrarre un .apk hanno sempre un debug dell’utentebuild Android per ottenerlo. Inoltre, ci sono molti siti in cui è possibile scaricare .apk.

Un altro dipendente di Google aggiunge che tutti i segreti in un .apk possono essere crittografati e può essere verificato se un’app è stata pagata tramite altri metodi come la verifica con Google Play Services, quindi combattere l’hacking non sembra essere un argomento o. In totale, gli sviluppatori di Google sembrano non essere d’accordo né sul fine né sui mezzi.

Un file .apk viene utilizzato per installare le applicazioni sui sistemi Android. È simile a un programma di installazione .exe o a un file .msi su Windows.

L’esperto Android Mishaal Rahman appeso la storia al grande orologio† Aggiunge che è “contento che Google non abbia apportato questa correzione” e “spera che non lo faccia nemmeno Xiaomi”. L’implicazione è che Xiaomi possa apparentemente introdurre questo blocco in modo indipendente sui propri dispositivi. Per verificare, Tweakers ha chiesto a Rahman se fosse davvero così.

Non sembra essere la prima volta che Xiaomi si impegna in queste pratiche. Quest’anno ha anche il cosiddetto pura moda introdotto nella MIUI 13, la shell Android dell’azienda. Questo impedisce caricamento lateralema può essere disabilitato.

READ  Krause è il nuovo proprietario del Parma: sbarco, firma, ufficialità. Sulla strada per il ciclo americano

Altri esempi di tali pratiche includono Samsung e OnePlus che limitano l’accesso alle fotocamere sbloccare il bootloader e il l’impiego di terzo app della fotocamera† I produttori in questione hanno successivamente revocato questi blocchi.

Xiaomi Poco F3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.