Sparatoria nella metropolitana di New York: un morto |  All’estero

Sparatoria nella metropolitana di New York: un morto | All’estero

Un uomo di 46 anni è stato colpito al petto da un altro passeggero della metropolitana di New York intorno a mezzogiorno. L’uomo è morto per le ferite riportate in ospedale. La polizia sta ancora cercando l’aggressore.

La sparatoria è avvenuta a Manhattan sulla cosiddetta linea Q, poco prima che la metropolitana arrivasse alla stazione di Canal Street. La vittima è morta in ospedale. Non c’erano altre lesioni. La polizia ritiene che l’attacco non sia stato provocato.

“Secondo i testimoni, il sospetto stava guidando avanti e indietro nello stesso vagone”, ha detto il capo della polizia Kenneth Corey. “Senza alcun motivo, ha estratto una pistola e ha sparato alla vittima a bruciapelo”. Secondo i testimoni, fino ad allora non c’era stata alcuna interazione tra la vittima e il suo aggressore.

Sparatorie ad aprile: dieci feriti

Ad aprile, New York è stata anche scossa da una sparatoria in metropolitana quando un uomo ha aperto il fuoco durante l’ora di punta del mattino. Poco prima, aveva indossato una maschera antigas e fatto esplodere fumogeni. Dieci persone sono rimaste ferite dai proiettili e altre tredici sono rimaste ferite nel panico che ne è seguito. Non ci sono stati morti. L’aggressore, Frank James, è stato arrestato su consiglio dei newyorkesi fermato un giorno dopo.

James rischia l’ergastolo. Il motivo dell’attacco non è chiaro. In numerosi sproloqui che ha pubblicato su YouTube, James ha commentato persone di diversi ceti sociali e si è scagliato contro il sindaco di New York City Eric Adams. Si è anche lamentato delle cure di salute mentale che ha ricevuto in città anni fa.

READ  Etiopia, allerta Onu per il Tigray: "E' sull'orlo di una catastrofe umanitaria". Wfp: "Dobbiamo scegliere a chi sfamare"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *