Zelensky: da comico a leader di un paese in guerra e “bersaglio numero uno”

Il 44enne esordiente politico Zelensky è stato eletto presidente dell’Ucraina nel 2019 con il 73% dei voti. È stata un’ascesa senza precedenti per l’ex comico e attore: in breve tempo, il suo nuovo partito Servo del popolo ha ottenuto anche un’ampia maggioranza nella Verkhovna Rada, il parlamento ucraino.

Zelensky si è impegnato a perseguire il riavvicinamento con l’Occidente – sperando nell’adesione alla NATO – e ha promesso di porre fine alla guerra nell’est del suo paese. Due spiacevoli ambizioni per il presidente Putin. Ora, tre anni dopo, il Cremlino ne ha avuto abbastanza e Putin ha dichiarato guerra al Paese vicino.

L’uomo designato

“Zelensky ha cercato di spiegare nel suo discorso che non c’era motivo per l’invasione dell’esercito russo, perché lui stesso viene dall’Ucraina orientale”, ha detto Lisa Gaufman. Il politologo di origine russa è docente all’Università di Groningen. Secondo lei, Zelensky ha una posizione unica in questa crisi. Poiché lui stesso è di origine russa, sembra essere l’uomo che convincerà i russi che le accuse di genocidio nell’Ucraina orientale sono false.

Allo stesso tempo, molte persone in Russia lo conoscono anche dalle sue precedenti esibizioni come comico, cosa che ha fatto in russo. “Ricordo di aver ripetuto io stesso le sue battute a scuola in Russia”, ha detto il ricercatore Gaufman. “Era estremamente popolare come comico di lingua russa. Molti russi sapranno che non è un fascista”.

READ  La Svezia vuole l'adesione alla NATO, ma nessuna interferenza da parte di Erdogan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *