Russia: “La stazione spaziale ISS potrebbe schiantarsi a causa delle sanzioni Usa”

Rogozin dice che il punizioni che gli Stati Uniti imposti alla Russia a causa dell’invasione dell’Ucraina potrebbero avere conseguenze per il funzionamento della stazione spaziale ISS. In una serie di tweet, Rogozin sottolinea che la ISS è alimentata da motori russi.

“Chi si assicurerà che la ISS non si schianti negli Stati Uniti o in Europa se smetti di lavorare con noi? C’è anche la possibilità che una struttura da 500 tonnellate si schianti in Cina o in India. La ISS non sorvola la Russia, quindi corri tutti i rischi”, lui scrive

Rogozin ha concluso il suo sfogo insinuando che il presidente Biden è pazzo. “Signori, prima controllate che le persone che hanno pianificato queste sanzioni non abbiano il morbo di Alzheimer”.

ESA e NASA: lavorare insieme ai russi

L’agenzia spaziale statunitense NASA e l’agenzia spaziale europea ESA hanno dichiarato che continueranno a lavorare con i russi sulla stazione spaziale ISS. L’ESA sta anche lavorando con Roscosmos su molti altri progetti. Le agenzie atterreranno insieme un esploratore di Marte sul pianeta rosso nel 2023, ha affermato il direttore generale dell’ESA Josef Aschbacher.

Un portavoce della NASA ha detto a Space.com che l’organizzazione farà tutto il possibile per far funzionare la ISS in sicurezza. La cooperazione con la Russia, che ha a bordo due astronauti, è essenziale a questo proposito.

La collaborazione è fondamentale

Tuttavia, secondo l’astronauta Garrett Reisman, è improbabile che le agenzie spaziali mettano fine alla collaborazione. Dopotutto, la ISS è il prodotto di una collaborazione tra Stati Uniti, Europa, Russia, Giappone e Canada. Ognuno fornisce contributi unici ma essenziali.

READ  Inter | Da Lautaro a Keita: le probabili formazioni

“Il segmento russo non può funzionare senza l’elettricità americana e la parte americana non può funzionare senza i sistemi di propulsione russi”, dire Reisman alla CNN. “Non puoi arrivare a un divorzio amichevole in questo caso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *