Zero vittorie e tanti dubbi: Atalanta, Inter, Juve e Lazio già allarmano per l’esordio in Champions League | Prima pagina

ecco il file Champions League e per la Serie A è un’arma a doppio taglio, perché il weekend calcistico italiano ha fatto scattare più di un campanello d’allarme: Atalanta e Inter, Juventus e Lazio, solo un punto guadagnato riunendo le quattro squadre qualificate. Un biglietto da visita inquietante e unico, considerando che questo è il peggior risultato nella storia recente del campionato italiano: guardando anche al 2010, anno della tripletta dell’Inter, si vede come almeno una squadra abbia sempre garantito una vittoria alla vigilia della prima serata di Champions League.

OSSA ROTTE – Un segnale allarmante, ma più che le statistiche a preoccupare, sono lo stato di forma attuale e quelli presenti con cui i quattro big player di A si presentano sul red carpet europeo. Inizia con la Juve, che a Crotone ha ottenuto un punto in inferiorità numerica per la rossa a Chiesa, ma si è rivelato essere ancora una fossa aperta con una difesa non sempre irreprensibile. E Pirlo non potrà contare sull’uomo dei campioni per eccellenza, Cristiano Ronaldo. Non stanno meglio Atalanta e Inter, nonostante abbia affrontato avversari famosi: la sconfitta dei bergamaschi a Napoli è stata pesante e ha mostrato una versione inedita della squadra di Gasperini, priva di idee in costruzione e meno intensa in fase difensiva. Meno pesante dal punto di vista del risultato, più per il carattere della partita il KO dei nerazzurri nel derby: la partita contro un Milano nella mappa inferiore ha esposto i problemi di una difesa rielaborata per le assenze dovute a Covid (Batons ora negativo) e anche alcune limitazioni in costruzione per il team Conte, in particolare dovrebbe essere la prestazione minima di un flagship tecnico come Brozovic . Peggio di tutto, però, è senza dubbio Inzaghi Lazio: seconda sconfitta subendo un parziale di tre gol, questa volta contro la Sampdoria, con una sola vittoria e otto gol subiti nelle prime quattro giornate di campionato. Immobile tornerà in Champions, squalificato a Genova, ma il ritorno della Scarpa d’Oro potrebbe non bastare a sopperire alle difficoltà del reparto arretrato.

READ  Champions, Atalanta-Ajax: gol di Tadic e Traoré, doppietta di Zapata rilancia Atalanta

I RIVALI VOLANO – E l’immagine dei biancocelesti diventa ancora più inquietante se si pensa che il loro è probabilmente l’album d’esordio più insidioso rispetto agli altri italiani. Trasferta tedesca per la Lazio, che affronta un Borussia Dortmund che non solo ha Haaland (4 gol con due riconoscimenti e due assist nelle prime quattro giornate di Bundesliga, un gol e un assist nella Supercoppa tedesca), ma può contare su una difesa che ha resistito fino a ora ha subito solo due gol ad Augsburg e tre in Supercoppa al Bayern Monaco pur mantenendo il pulito foglia quattro volte (tre partite di campionato, una Coppa di Germania). E anche la Juve non può sottovalutare la trasferta di Kiev, nonostante il Dinamo è meno nobile dei bianconeri: La squadra di Mircea Lucescu non può perdere, tra campionato e preliminari di Champions League, sette vittorie e due pareggi (entrambi arrivati ​​però in casa), subendo solo quattro gol nel parziale. Non prendere alla leggera l’esordio dell’Atalanta, che mercoledì volerà in Danimarca: Il Midtjylland non perde dall’11 settembre, la sua unica sconfitta all’inizio della stagione, da lì due pareggi e cinque successi tra campionato e preliminari europei. Infine l’Inter, unica italiana a fare il suo esordio in Champions in casa e l’unica ad affrontare una squadra che non è reduce dal successo: la Borussia Monchengladbach Non brilla in queste prime fasi di campionato, solo una vittoria in Bundesliga contro il Colonia e una in Coppa di Germania, l’ultima partita di campionato non è andata oltre l’1-1 in casa con il Wolfsburg. La forma migliore non c’è ancora, le rivali stanno (quasi) tutte bene: Atalanta, Inter, Juve e Lazio, la Champions può essere l’occasione per spazzare le nuvole da un weekend uggioso oppure sì aggravare una situazione già delicata.

READ  L'ex Juve Pereyra torna all'Udinese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *