Home / Artisti e gruppi / Mezz Gacano

Mezz Gacano

mezz gacanoMezz Gacano è un progetto musicale di David(e) Nino Urso Mezzatesta, nato dalle ceneri di Multimedial Stigghiolizing Enteprise (già Slapamdeus) e Tchazart. Il progetto originale prende vita in quel di Parma, precisamente a Salsomaggiore Terme, nel 1997.

Il primo concerto ha luogo al Bataclan di Salso durante il febbraio del ’98 con Fabrizio Lazzaretti al piano elettrico, Pietro “pillino” Pizzuto al basso, Piero De Gaetano alla batteria e naturalmente Davide Mezzatesta (che per l’occasione si esibirà con lo pseudonimo di Lorna Maitland) chitarra; le influenze del periodo sono Frank Zappa, King Crimson, Gong, Naked City, Mr.Bungle e Ozric Tentacles.

Nell’ottobre dello stesso anno Davide Mezzatesta e Pietro Pizzuto si trasferiscono a Palermo e si incontrano per formare i Katerba insieme a Giovanni Di Martino alle tastiere e Gaetano Di Giacinto alla batteria. Il gruppo si scioglie nel 2000 dando vita due evoluzioni parallele, Paul Teglia & The Goodmakers of Shit e Mezz Gacano.

A maggio del 2001 i Mezz Gacano si stabilizzano nel seguente quintetto: Davide Mezzatesta (voce e chitarra), Marco Monterosso (voce e chitarra), Giovanni Di Martino (cori e tastiere), Lucio Giacalone (basso) e Piero Pitingaro (batteria). Il gruppo suona per circa due anni praticamente ovunque raccogliendo i consensi di molti. Il 27 settembre 2002 all’Insonorica Festival (tenutosi al BierGarten di Palermo) viene presentato Palòra di Boskàuz, primo (e fino ad ora unico) disco ufficiale del quintetto in questione.

Nel 2004 la formazione cambia assetto acquisendo una forma più “art rock” (Henry Cow, Art Bears, This Heat); i nuovi “acquisti” sono Marco Lo Cicero al basso elettrico e contrabbasso, Francesca Lubrano alla voce (e co-autrice del testo di “Proshanije”) e Gaetano Di Giacinto (già con i Katerba) alle percussioni. Con questa formazione e con l’ausilio di diversi collaboratori esterni (fra cui i Fratelli Zarcone) i “nuovi” Mezz Gacano registrano Avangandastrialopiteco, disco “ufficioso” autoprodotto in 100 copie tutte vendute alla presentazione il 24 Ottobre 2004 all’Agricantus.

Dal 2004 al 2008 Davide Mezzatesta (orma divenuto definitivamente Mezz Gacano) si dedica esclusivamente a lavori “solisti” (MezzGuitar, Megghiu sulu), musica “da camera” (Music for robes, Orchestral unfavorite) e collaborazioni esterne con Dario Lo Cicero, Orchestra Xenarmonica V.Bellini Palermo, Camillo Amalfi, ecc.

Nel 2008 Mezz Gacano torna in studio per registrare le dieci nuove tracce dell’album Ozocovonobovo, un album che, a detta di Mezz Gacano, non ha mai visto la luce ma che è acquistabile sulla pagina bandcamp della Sasime Records (anno d’uscita 2009), e nel frattempo rimette insieme la cosiddetta “Boskàuz band” per festeggiare nel settembre dello stesso anno il primo lustro dall’uscita di Palòra di Boskàuz. Nel 2009 la “Boskàuz Band” registra negli studi della Nino Label “Live @t Nino Label” (Sasime/Nino Label). Nel 2010 La formazione cambia ulteriormente sezione ritmica, investendo stavolta su Fabrizio Vittorietti al basso e Davide Pendino alle percussioni.

Questa nuova formazione ha finalmente la possibilità di inoltrarsi su sentieri un tempo ritenuti ardui, come per esempio le composizioni di Frank Zappa, di cui il quintetto è divenuto “quasi” una banda-tributo. Sempre nello stesso anno il gruppo partecipa ad una rassegna di cinema espressionista a Barcellona Pozzo di Gotto componendo ed eseguendo dal vivo le musiche per “Tabù” di F. W. Murnau.

Nel 2011 Luca La Russa diventa bassista dei Mezz Gacano. A gennaio del 2013 Mezz Gacano ha inciso in Svizzera con il gruppo sperimentale “Zone Expèrimentale” una raccolta di partiture composte negli ultimi quindici anni e che diverrà poi il suo quarto disco: Froka, pubblicato da Lizard Records nel 2016.

Nel 2013 forma il Counterpeel Trio, insieme a tre musicisti provenienti da esperienze musicali di svariato genere: Mauro Greco, violoncellista di matrice barocco/cameristica, Dario Compagna, clarinettista, che spazia dalla classica/contemporanea al klezmer d’oltralpe fino all’improvvisazione radicale, Beppe Viola polistrumentista e ricercatore musicale ai massimi livelli, che in questo caso si espone al sax soprano. Quì ha inizio “il rispolvero” della famosa “valigia dei 40 spartiti”, ovvero la rettifica e la ‘riqualificazione’ di pezzi scritti negli ultimi 15 anni. Il Counterpeel Trio incide un paio di dischetti ascoltabili nella sezione cameristica delle edizioni Sasime Records su bandcamp.

Nel dicembre 2016 finalmente (ri)forma il Self Standing Ovation Boskàuz Ensemble, con cui suonerà parte di Froka e parte del nuovo materiale che vedrà la luce nel corso dell’anno.

Per maggiori info: Mezz Gacano

Formazione attuale:

Roberta Miano: violino

Lavinia Garlisi: flauto e ottavino

Ornella Cerniglia: pianoforte e pianoforti giocattolo

Mauro Greco: violoncello

Dario Compagna: clarinetto in si bemolle, clarinetto basso

Beppe Viola: sax soprano, flauto turco, clarinetto in si bemolle

Marco Monterosso: chitarre e voce

Mezz Gacano: chitarre e voce

Luca La Russa: basso, basso acustico e voce

Giovanni Di Martino: sintetizzatori, percussioni e voce

Davide Pendino: percussioni

Simone Sfameli: percussioni ed elettronica

Discografia:

2002 – Palòra di Boskàuz (Sasime Records)

2004 – Avangandastrialopiteco (Sasime Records)

2009 – Ozocovonobovo (Sasime Records)

2016 – Froka (con Zone Expèrimentale – Lizard Records)

Fotogallery

  • Mezz Gacano
  • Mezz Gacano
  • Mezz Gacano
  • Mezz Gacano

Check Also

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Faust & Malchut Orchestra / Fausto Bisantis

Faust & Malchut Orchestra è la band che dal 2012, porta in scena il repertorio …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *