14 morti in una rivolta in una prigione messicana

14 morti in una rivolta in una prigione messicana

Reuters

Notizie ONS

Quattordici persone sono state uccise in una rivolta in una prigione nella città messicana di Ciudad Juárez, al confine con gli Stati Uniti.

Dieci dei 14 morti sono guardie di sicurezza, secondo le autorità messicane. I media messicani scrivono che probabilmente sono stati giustiziati. Il resto dei morti erano prigionieri. Non si sa come siano morti.

Secondo le autorità, anche tredici persone sono rimaste ferite e almeno 24 prigionieri sono fuggiti. La rivolta è iniziata intorno alle 7 del mattino quando diversi veicoli blindati sono arrivati ​​alla prigione, secondo la giustizia dello stato di Chihuahua. Poi uomini armati hanno aperto il fuoco contro le guardie.

La rivolta è avvenuta durante l’orario di visita. Panico dei visitatori. Unità militari furono inviate alla prigione per ristabilire l’ordine. Secondo il sindaco della città, cinque prigionieri evasi sono stati ora ripresi.

Il Messico, afflitto dalla violenza criminale e dalla corruzione, ha circa 225.000 persone in carcere. Queste carceri sono spesso sovraffollate e dispongono di strutture scadenti. Spesso possono essere necessari anni prima che le persone ottengano un processo.

READ  Donald Trump ha ordinato il ritiro dei soldati americani dalla Somalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *