Home / News / 40 anni di “Ashes Are Burning”

40 anni di “Ashes Are Burning”

Renaissance - Ahes Are Burning

Il 10 ottobre del 1973 i Renaissance pubblicano il loro quarto album in studio, Ashes Are Burning. L’album, registrato tra i mesi di aprile e agosto del 1973, mostra la raggiunta maturità dei Renaissance che qui arrivano a miscelare influenze classiche di scuola russa e francese a soluzioni di tipico progressive sinfonico dalla marcata componente folk. La ricchezza di stili e le diverse influenze risultano tuttavia più omogenei, soprattutto se paragonati ai risultati delle opere precedenti.

La formazione che realizza l’album vede: Annie Haslam (voce), Jonathan Camp (basso elettrico, voce di supporto), John Tout (tastiere, voce di supporto), Terence Sullivan (batteria, percussioni, voce di supporto) e Michael Dunford (chitarra folk), ai quali si aggiunge Andy Powell (dai Wishbone Ash, chitarra elettrica in “Ashes Are Burning”). Ashes Are Burning è il primo album in cui la band suona accompagnata ad una orchestra sinfonica. I brani, con testi della poetessa Betty Thatcher, presentano un maggiore lirismo poetico, enfatizzato dalla notevole estensione vocale della Haslam e dall’abilità tecnica di tutti i musicisti.

Tracklist:

01. “Can You Understand?”

02. “Let It Grow”

03. “On The Frontier”

04. “Carpet of The Sun”

05. “At The Harbour”

06. “Ashes Are Burning”

About Antonio Menichella

Antonio Menichella
Ideatore, membro fondatore e redattore di HamelinProg.com, è docente di disegno e storia dell'arte, artista visivo e grafico. Appassionato di rock psichedelico, acid rock, stoner, desert rock, neopsichedelia, progressive rock, rock progressivo italiano, space rock, krautrock, zeuhl, scuola di Canterbury, avant-prog, rock sinfonico, jazz rock, prog folk, prog metal, neoprogressive, hard rock, post-rock, musica sperimentale e molto altro.

Check Also

Omnibus – The Early Years – Un interessante box-set targato The Samurai Of Prog

Dopo aver dato alle stampe ben sei album in poco più di sei anni, The …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *