90 anni dell’Empire State Building

L’Empire State Building è ancora oggi uno dei più grandi simboli di New York City, di cui è stato a lungo il grattacielo più alto. Fu costruito tra il 1930 e il 1931 in stile art déco – come il vicino Chrysler Building – nel cuore di Manhattan, tra Fitfh Avenue e la 34th Street.

Il grattacielo è alto 381 metri ma contando l’antenna arriva anche a 443 metri. Si compone di 102 piani ed è normalmente aperto al pubblico: in un anno viene visitato da circa 4 milioni di turisti. La sua caratteristica illuminazione viene spesso utilizzata per festeggiare compleanni, feste ed eventi speciali.

Grazie alla grande antenna montata sulla sua sommità, l’Empire State Building raggiunge un’altezza totale di 443,2 metri. È rimasto l’edificio più alto del mondo per oltre trent’anni dalla data della sua inaugurazione, novant’anni fa.

Dal giorno dell’attacco alle Torri Gemelle nel 2001, è stato di nuovo l’edificio più alto di Manhattan fino alla costruzione del nuovo One World Trade Center, che con i suoi 541 metri è ora l’edificio più alto della metropoli.

L’Empire State Building e sullo sfondo le Torri Gemelle colpite dai due aerei di linea dirottati dai terroristi di Al-Qaeda l’11 settembre 2001 (AP Photo / Marty Lederhandler)

La società proprietaria del grattacielo, Empire State Realty Trust Inc., quotata alla Borsa di New York dal 2012, è di proprietà della famiglia Malkin, proprietaria dell’edificio e di parti dell’area circostante dal 2002, anno in cui è stata rilevata . di proprietà dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che lo ha posseduto per due anni.

Una valutazione dei danni causati dal velivolo B-25 che entrò in collisione con l’Empire State Building nel luglio 1945 (foto AP)

Tra i tanti eventi di cui è stato protagonista, quello di 28 luglio 1945, quando è stato accidentalmente colpito da un aereo della United States Air Force tra il 78 ° e il 79 ° piano. Nell’incidente, causato principalmente dalla nebbia, sono morti il ​​pilota dell’aereo e altre tredici persone. Quel giorno la gente per le strade pensava ad un attacco al Giappone e poi a un paese che andò a combattere gli Stati Uniti nelle isole del Pacifico negli ultimi mesi della seconda guerra mondiale.

READ  Covid: Iran, 192 città in allerta - Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *