addio giornalista Rai e volto della Val Gardena

Nuovo

Il famoso giornalista Rai era diventato un volto e un riferimento in Val Gardena

Nelle ultime ore, la notizia del morte prematura, aveva 55 anni, dal giornalista Armin Moroder, della redazione RAI di Bolzano. Era stato incaricato di scrivere le notizie in ladino, italiano e tedesco.

L’azienda Viale Mazzini ha annunciato la partenza del giornalista con un comunicato stampa pubblicato sul portale web della televisione di Stato. Il comunicato stampa dice: “Una notizia che riempie di tristezza l’intera agenzia Rai di Bolzano e la redazione di lingua ladina, italiana e tedesca“.

Il giornalista, secondo quanto si apprende dal comunicato diffuso dalla Rai, è morto mercoledì sera in ospedale 30 giugno 2021. Le parole dei confratelli si sono poi concentrate nel dire chi era questo giornalista che, con grande passione ed emozione, ha parlato dei territori della Val Gardena.

Moroder era ormai diventato un punto di riferimento per questi luoghi. Dal 2013 lavora per Rai Ladina a Bolzano. Ma in passato era stato giornalista per 32 anni per Radio Val Gardena. Una vita per raccontare le notizie, i fatti e le malefatte di questi luoghi.

il direttore di Rai Ladina ha commentato il passaggio di Moroder dicendo: “Con Armin abbiamo perso un grande collega e amicoPoi ha proseguito dicendo che il giornalista era conosciuto e amato da tutti, anche in considerazione del fatto che gli piaceva stare in mezzo alla gente.

Un uomo che ha portato anche tante nuove idee, portando ogni giorno un valore aggiunto sempre maggiore ai contenuti editoriali. Il funerale del giornalista si svolgerà sabato pomeriggio in Val Gardena. Tutte e cinque le valli delle Dolomiti piangono dunque la morte di un grande uomo.

READ  "Ho lasciato un divano e ho rifiutato una montagna di soldi per Avatar" - Corriere.it

Persone come Moroder hanno sicuramente aiutato a dipingere la loro storia la realtà delle Dolomiti. Una realtà bella e affascinante, ma a volte anche difficile e complicata. E la figura di Armin era proprio l’autenticità della sua storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *