Il mondo guarda con tensione: “Se Putin cade in Russia, l’ultima ora di Xi è scoccata anche in Cina”

Il mondo guarda con tensione: “Se Putin cade in Russia, l’ultima ora di Xi è scoccata anche in Cina”

Il caos politico in una potenza nucleare è sempre preoccupante. Il caos in una potenza nucleare che ha scatenato una guerra di terra in Europa è motivo di suprema concentrazione. La marcia di Prigozhin su Mosca fu quindi seguita con fervore in tutte le capitali.

Le consultazioni di crisi si sono svolte in Occidente. I capi di governo dei Paesi del G7 si sono subito messi in contatto telefonico. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha convocato una riunione ministeriale del G7. L’organo di crisi del governo, Cobra, si è riunito a Londra. A Bruxelles l’ha attivato il capo degli affari esteri dell’Ue, Josep Borrell centro di crisi, un organismo interno per le crisi al di fuori dell’UE. Ha anche tenuto consultazioni con i ministri degli Esteri, che lunedì rifletteranno sulle conseguenze dell’ammutinamento in Lussemburgo. Un ulteriore sostegno agli armamenti per Kiev era già all’ordine del giorno delle regolari consultazioni dell’UE.

Leggi anche: Colonnello di riserva ucraino: “Tutto quello che ha fatto Prigozhin è utile per l’Ucraina”

La maggior parte dei paesi occidentali non ha preso provvedimenti, ma ha seguito gli sviluppi da lontano. Ad esempio, non è stata incrementata la preparazione dei soldati americani in Europa: secondo i media americani, il governo americano non ha voluto dare l’impressione di voler sfruttare la debolezza di Putin. La Lettonia ha chiuso il confine con la Russia e rafforzato la sicurezza dei confini.

L’alto ufficiale militare statunitense e consigliere per la sicurezza nazionale del presidente sabato si è astenuto dal recarsi all’estero per partecipare alle consultazioni con Biden. Tuttavia, sembra che il governo degli Stati Uniti non sia stato completamente colto di sorpresa.

I servizi segreti statunitensi non sono sorpresi dalla rivolta di Prigojine

media americani ha riferito che i servizi di intelligence si aspettavano una rivolta di Prigozhin da metà giugno. Secondo quanto riferito, la scorsa settimana la Casa Bianca e i leader del Congresso sono stati informati che qualcosa era in corso. A porte chiuse ci si chiedeva già quali sarebbero state le conseguenze per la posizione di Putin e per il controllo dell’arsenale nucleare.

READ  La Russia vede diminuire la propria superiorità nelle armi pesanti mentre l'Ucraina recupera terreno

I politici occidentali hanno usato la marcia su Mosca per sottolineare la debolezza di Putin. Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha affermato che l’unità russa è ormai un mito. Il suo collega americano Blinken ha definito la marcia “le prime crepe nella facciata della leadership autoritaria di Putin” e un’opportunità per l’Ucraina.

La visibile debolezza di Putin può essere facilmente vista come un vantaggio per l’Ucraina ei suoi alleati. Allo stesso tempo, si profila la prospettiva di un regime in declino che deve tenere testa alle milizie armate della propria cerchia. Il caos porta incertezza e nuove considerazioni.

Conseguenze per la Cina

È una felice coincidenza per Pechino che la rivolta abbia avuto luogo questo fine settimana. Quindi non c’è conferenza stampa per i media stranieri. Pertanto, il Dipartimento di Stato non ha dovuto rilasciare una dichiarazione mentre l’esito della rivolta era ancora incerto.

I media statali cinesi hanno prima abbreviato con a Messaggio dall’agenzia di stampa ufficiale Xinhua, che ha citato il discorso di Putin e ha riferito che erano in atto misure antiterrorismo. Domenica, dopo che la rivolta è stata soppressa, un’altra Xinhua Post che la rivolta rappresentava una minaccia poco seria per Putin o per l’azione unitaria della Russia contro l’Ucraina.

Una Colonna di Wagner sulla M-4, che va da sud a Mosca.
FotoREUTERS

Quindi niente da temere. Tuttavia, il tema è seguito da vicino anche in Cina: è proprio lì che si capisce quanto storica sia, o potesse diventare, la rivolta. E quali potrebbero essere state le conseguenze per la Cina. Ad esempio, l’hashtag “Putin accusa il leader Wagner di tradimento” è diventato niente di meno che 1,2 miliardi di visualizzazioni sulla piattaforma di social media Weibo. La notizia è stata di tendenza anche su molti altri social network. “Il confine tra Cina e Russia è molto lungo e i due paesi sono strettamente collegati”, ha scritto uno. E se Putin cade in Russia, l’ultima ora per Xi è arrivata anche in Cina, credono molti cinesi. Perché prima che tu te ne accorga, la NATO sarà al confine con la stessa Cina, e tutti sanno quanto sia aggressiva la NATO. È un’arma nelle mani degli Stati Uniti, che cercano di mantenere piccola la Cina – o così molti cinesi hanno appreso dai media statali.

READ  Volo di prova dell'astronave • Sentenza della Corte sull'incidente dell'Airbus

La maggioranza degli internauti è quindi favorevole all’autorità russa. Le persone che la pensano diversamente non potrebbero esprimersi così facilmente. I post espliciti pro-Prigozhin verrebbero immediatamente censurati. Eppure non sono mancate critiche anche alle cosiddette oche gialle. La parola per oca suona come parte della parola per la Russia in cinese, e le oche gialle si riferiscono ai cinesi che sono fan ciechi di Putin e della Russia.

Per inciso, non ce ne sono molti: la Russia può essere un alleato politico, ma la sfiducia nei confronti della Russia è profonda per ragioni storiche. Molti cinesi vedono la Russia principalmente come un partner inaffidabile, ma per ora indispensabile.

Putin di pedone

Per il presidente cinese Xi Jinping, Putin è soprattutto una pedina su uno scacchiere molto più grande. Vincere gli Stati Uniti è l’obiettivo finale. Se la Russia diventa più instabile e la posizione di Putin diventa meno ovvia, sarà molto più difficile per la Cina usare la Russia per questo scopo. Quindi la Russia passerà da un alleato a un caso problematico inaffidabile.

Minaccia anche la stabilità interna della Cina se Putin continua a indebolirsi. La più grande giustificazione dei regimi di Putin e Xi è che portano ordine e stabilità. Ma in Russia, dopo più di vent’anni, questa stabilità improvvisamente non è così solida. Quanto è certo allora che la Cina sarà permanentemente stabile?

Leggi anche: Putin ha creato il suo mostro di Frankenstein con Prigozhin

Putin ha anche detto che avrebbe punito severamente gli insorti, ma il giorno dopo le sue parole si sono rivelate di scarso valore. Ha lasciato andare il capo degli insorti. Agli occhi di Xi e di molti cinesi, una cosa del genere è un segno di grave debolezza. Dopo questo fine settimana, la Cina riconsidererà se, e fino a quando, Putin potrà continuare a essere la pedina di Xi per muoversi davvero.

READ  Putin offre agli ucraini nei territori occupati la possibilità di diventare russi più rapidamente | ADESSO

Reazioni in altri paesi

I leader mondiali guardavano non solo a Mosca, ma anche l’un l’altro. Chi aiuterebbe apertamente Putin nel momento del bisogno? Il presidente turco Erdogan ha chiamato Putin e lo ha esortato a usare il buon senso, secondo la dichiarazione ufficiale. La Turchia è un membro di spicco della NATO, ma allo stesso tempo ha buoni rapporti con la Russia.

L’Iran, alleato di Putin, ha affermato di sostenere lo stato di diritto nella Federazione Russa e non sorprende che la Corea del Nord abbia affermato che sosterrà qualsiasi decisione presa da Mosca per combattere l’ammutinamento.

Più notevole è stato il doppio messaggio dal Kazakistan. Il presidente Tokayev ha descritto il Kazakistan come un “alleato strategico” della Russia, ma ha anche definito l’ammutinamento una questione interna. I paesi dell’Asia centrale hanno tradizionalmente sostenuto Mosca, ma ora stanno andando sempre più per la loro strada.

Da segnalare anche il ruolo del presidente bielorusso Lukashenko, il migliore amico di Putin. Grazie alla sua mediazione, si dice che Prigozhin abbia interrotto la sua marcia. Anche il futuro di Wagner e il rapporto tra Lukashenko e Putin sono tra le domande a cui il mondo esterno sta cercando una risposta dopo questo fine settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *