Agente di polizia uccide afroamericani disarmati, di nuovo le proteste statunitensi

WASHINGTON. Un afroamericano è stato ucciso da un poliziotto bianco a Columbus. È il secondo caso da settimane nella città del nord degli Stati Uniti e dalla primavera ha alimentato l’indignazione in seguito alle proteste contro il razzismo e la brutalità della polizia. Andre Maurice Hill, 47 anni, era in un garage lunedì sera quando è stato colpito più volte dall’ufficiale in uniforme.

La polizia aveva ricevuto una chiamata per assistere alla scena di un piccolo incidente. Il filmato dalla telecamera palmare dell’agente mostra Hill che cammina verso l’ufficiale con un telefono cellulare nella mano sinistra, mentre l’altra mano rimane invisibile. Pochi secondi dopo, l’ufficiale spara con la sua pistola e l’uomo crolla a terra. L’agente Adam Coy e il suo collega hanno aspettato diversi minuti prima di avvicinarsi alla vittima sopravvissuta, morta poco dopo.

Coy è stato sospeso. Secondo i media locali, c’erano già denunce contro di lui per uso eccessivo della forza. Hill, disarmato, è il secondo afroamericano a essere ucciso dalla polizia in meno di tre settimane a Columbus. Casey Goodson Jr., 23 anni, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco il 4 dicembre mentre tornava a casa dall’acquisto di panini.

READ  Infezioni da Covid, la Gran Bretagna inverte la tendenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *