Alpinista iraniano senza velo accolto dalla folla a Teheran

Alpinista iraniano senza velo accolto dalla folla a Teheran

Alpinista iraniano senza velo accolto dalla folla a Teheran

Immediatamente dopo l’arrivo, Rekabi è salito a bordo di un furgone. Non si sa dove sia stata successivamente portata. La sua famiglia e i suoi amici temevano per la sua sicurezza poiché non potevano raggiungerla dopo la partita. Si temeva che sarebbe stata portata nella famigerata prigione di Evin.

L’azione di Rekabi è vista da molti in Iran come un sostegno alle proteste. Lei stessa ieri ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di non avere intenzione di arrampicarsi senza il velo. L’hijab sarebbe “scivolato” poco prima della partita e lei non avrebbe avuto il tempo di rimetterlo. La domanda è se abbia fatto questa dichiarazione volontariamente o sotto costrizione.

Eroina

Il Reportage della BBC che anche la sua famiglia era in aeroporto e poteva riceverla. Rekabi indossava un berretto, un berretto e un passamontagna quando è arrivata, quindi non è facile vedere se indossava anche un velo. Molte delle donne tra la folla non le indossavano.

Secondo la BBC, le persone tra la folla hanno gridato che Rekabi era un eroe dopo la sua azione alla partita sportiva. Lo vedrebbero come un nuovo simbolo del diritto a non indossare il velo in Iran.

Ragazza picchiata a morte

Le normative nel rigido Paese islamico sono rigide. Le donne dovrebbero coprirsi i capelli con l’hijab e dovrebbero anche indossare abiti larghi. Violente proteste contro queste regole si svolgono da settimane in tutto il Paese. Queste proteste sono iniziate dopo la morte della 22enne Mahsa Amini dopo un brutale arresto da parte della vice squadra.

È stato riferito ieri che una ragazza di 16 anni è stata picchiata a morte in una scuola per essersi rifiutata di cantare una canzone di propaganda in onore del leader iraniano Ayatollah Ali Khamenei.

READ  Il messaggio di intensità di Koeman deve ancora raggiungere gli Orange: "Hup, hop, hop"

In precedenza abbiamo realizzato questo video sulle proteste nel Paese islamico contro l’oppressione delle donne:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *