Anche i russi estranei a Putin sono banditi

Anche i russi estranei a Putin sono banditi

È iniziata questa settimana con Valéry Gergiev e la Rotterdam Philharmonic Orchestra. Il famoso direttore d’orchestra russo non è più il benvenuto a Rotterdam dopo aver rifiutato di separarsi da Vladimir Putin e dal suo sanguinoso raid in Ucraina. Gergiev è noto da anni come un fervente sostenitore del presidente russo.

Ma ora anche i russi estranei a Putin sono banditi. La Philharmonie Haarlem ha deciso giovedì di sostituire il fine settimana del festival “Le 48 ore di Tchaikovsky e Stravinsky” con due concerti a favore dei rifugiati ucraini. Secondo il comunicato stampa, il locale non vuole escludere compositori o artisti russi, ma “con le attuali circostanze preoccupanti in Ucraina, sembra inappropriato celebrare la musica russa per un intero fine settimana”.

Questo ha sorpreso alcuni esperti russi. Stravinsky ha trascorso gran parte della sua vita fuori dalla Russia. Sotto Joseph Stalin, quando la repressione era al culmine in Russia, la sua musica fu bandita lì.

La mostra si è svolta all’Hermitage di Amsterdam Avanguardia russa / Rivoluzione nell’arte chiuso fino a nuovo avviso. Ciò è accaduto dopo aver interrotto i legami con il Museo dell’Ermitage russo di San Pietroburgo. Il direttore di questo museo, Mikhail Piotrovsky, ha co-scritto la nuova costituzione russa. “Putin è mio marito dall’inizio degli anni ’90”, ha detto Piotrovsky al sito web l’anno scorso. Il giornale delle arti† Di conseguenza, il lavoro del pittore nato a Kiev Kazimir Malevich non può più essere visto ad Amsterdam.

La condivisione della conoscenza si è interrotta

Venerdì, università, college e ospedali universitari hanno annunciato che avrebbero interrotto temporaneamente i legami anche con la Russia e la Bielorussia. Questo viene fatto su richiesta del gabinetto. Ciò significa che non ci sono più soldi che vanno dalle istituzioni olandesi ai due paesi e non c’è più scambio di conoscenze. “Ma molte collaborazioni nel campo dell’istruzione e della ricerca si basano su ‘è uguale arelazioni” con ricercatori russi e bielorussi”, secondo una dichiarazione delle università dei Paesi Bassi. “Molti di loro hanno pubblicamente criticato l’invasione a rischio della propria vita. Ecco perché le istituzioni vogliono dare ai propri dipendenti ogni opportunità per continuare i contatti personali esistenti con questi ricercatori, se necessario.

Una donna russa ad Amsterdam ha ricevuto una lettera dal suo padrone di casa che la informava che l’affitto era stato annullato immediatamente

I contatti con i russi vengono interrotti anche al di fuori dell’arte e della scienza. Ad esempio, i trekker russi e bielorussi non sono i benvenuti alla prossima edizione delle Marce dei quattro giorni di Nijmegen. L’organizzazione afferma di seguire l’invito di Koninklijke Wandelbond Nederland a escludere atleti e squadre sportive da entrambi i paesi.

READ  Prime Video, Good Omens: annunciata la seconda stagione

L’emittente cittadina di Amsterdam AT5 ha riferito venerdì che una donna russa in città aveva ricevuto una lettera dal suo padrone di casa, in cui l’affitto era stato immediatamente risolto. Le sanzioni contro la Russia sono state citate come motivo della cancellazione. La donna ha sporto denuncia alla Woon Foundation e riceve assistenza legale dal suo datore di lavoro.

Questo Giornale Generale ha scritto questa settimana sui proprietari di negozi russi che ricevono messaggi di odio e perdono affari. L’ambasciata russa ha segnalato minacce e richieste ai russi di lasciare i Paesi Bassi.

Leggi anche Gli attivisti del virus scambiano corona per Putin: “Capisco cosa sta facendo”

Ma c’è anche un contromovimento. Famosi olandesi e politici chiedono ai social media di lasciare in pace le persone di origine russa. Il sindaco di Rotterdam Ahmed Aboutaleb ha deciso di mantenere intatto per il momento il collegamento della città con San Pietroburgo. “Non tutti i San Pietroburgo sono cattivi”, ha detto.

Anche nel commercio di libri al momento sta succedendo poco. La biblioteca russa, con libri di grandi scrittori russi pubblicati da Van Oorschot dal 1953, è disponibile come di consueto. Ciò che colpisce è che i libri ucraini in particolare stanno ora andando bene, afferma Lars Meijer dell’editore e libraio Pegasus, specializzato in lingue e culture russe e dell’Europa centrale. “La Russia è molto più di Putin e i clienti conoscono la differenza tra la cultura russa e Putin”.

Editori di cultura Mmv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *