Arjen Lubach, paziente con acufene, stupito dall’approccio del governo

Arjen Lubach, paziente con acufene, stupito dall’approccio del governo

Sebbene Arjen affronti l’argomento con molte battute e battute nel suo show, è un problema molto serio. Gli esperti hanno espresso preoccupazione per un po’ di tempo e si aspettano che un’ondata di danni all’udito si diffonderà nei Paesi Bassi entro cinque anni. Questo vale in particolare per i giovani. “So che è musica troppo rumorosa, perché ora ho anche l’acufene”, dice Arjen nel suo programma. Il presentatore sente da circa otto anni una “specie di flauto molto acuto che cambia costantemente tono” nell’orecchio sinistro e un “rumore acuto” nell’altro orecchio.

Nonostante tutti gli avvertimenti, la musica è ancora troppo alta nei festival, nei caffè o nei club. I medici ORL sono quindi molto preoccupati e vogliono uno standard di rumore legale, ma il governo non sembra ascoltarlo. Ne prendono abbastanza con un patto che stabilisce che la media non deve superare i 103 decibel. Ed è abbastanza folle perché l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, raccomanda un massimo di 100 decibel.

Tre decibel all’inizio non suonano molto, ma Arjen spiega che raddoppia il suono. Inoltre, in caso di superamento di tale limite di 103 decibel, non sarà inflitta alcuna sanzione. Nemmeno un avvertimento.

E diventa ancora più folle, mostra Arjen: quando è stato stabilito lo standard di 103 decibel è stata presupposta la protezione dell’udito. E anche se vedrai sempre più spesso qualcuno indossare i tappi per le orecchie in un club o a un concerto, dice Arjen, non dovresti dare per scontato che sia la norma.

Secondo la conduttrice, il governo dovrebbe quindi darsi una bella grattata. “È come andare in un ristorante dove le posate sono così calde che devi portare i tuoi guanti da forno”, dice.

READ  Ancora lavorando per Soleil

Per fortuna lo studio ascolta i bip dei medici ORL, perché ora stanno studiando se introdurre delle vere regole. Non vuole compiere reali progressi poiché il patto è stato prorogato fino al dicembre del prossimo anno. “Quindi avremo danni all’udito per almeno altri quattordici mesi”, conclude Arjen.

Guarda l’intero episodio di Lo spettacolo serale con Arjen Lubach qua Restituzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *