La ricerca mostra che il tuo gatto capisce davvero quello che stai dicendo

La ricerca mostra che il tuo gatto capisce davvero quello che stai dicendo

La ricerca mostra che il tuo gatto capisce davvero quello che stai dicendo

I gatti sono animali sociali che possono legarsi strettamente con i loro proprietari, secondo un numero crescente di ricerche.ImageGetty Images

A volte parli con il tuo gatto? Niente di strano, sei tutt’altro che l’unico e anche i gatti si sentono sfidati. Ciò è stato scientificamente dimostrato dalla ricerca sul comportamento degli animali presso l’Università di Parigi a Nanterre, in Francia, che mostra che i gatti possono distinguere tra il linguaggio rivolto specificamente a loro e il linguaggio tra umani.

“La cosa sorprendente era che i gatti potevano farlo solo con i loro proprietari”, afferma Charlotte de Mouzon, autrice principale di un articolo sulla rivista scientifica cognizione animale. Lei e due colleghi hanno fatto ascoltare a sedici gatti da interno le registrazioni audio dei loro proprietari e di persone che non avevano familiarità con il gatto dicendo alcune frasi prestabilite (“Vuoi giocare?”, “Vuoi mangiare?”).

Queste affermazioni sono state registrate in due modi: il solito modo di parlare con altri adulti e in “chiacchierata”: con voce acuta e con articolazione e intonazione esagerate. “Così chiamiamo discorso guidato dal gatto“, spiega De Mouzon. È un genitore della lingua dei bambini che a volte chiamiamo bambini. I ricercatori hanno quindi registrato le risposte degli animali per vedere quali differenze potrebbero notare.

Guarda trecento video di gatti

De Mouzon: “Non è così facile con i gatti, perché i gatti possono reagire in modi diversi”. Gli psicologi felini francesi hanno provato una tecnica relativamente nuova, basata sull’assuefazione: se senti qualcosa più volte, non è più nuovo. Ad esempio, i gatti hanno sentito “Vuoi giocare?” tre volte. nel linguaggio normale, poi nel linguaggio dei gatti. Se un animale cambia il suo comportamento in risposta a un cambiamento, come passare dallo stare sdraiato in silenzio a guardarsi intorno, questo indica che ha sentito qualcosa di nuovo. Significa anche che puoi sentire la differenza tra i due tipi di discorso.

L’analisi delle registrazioni, trecento video di gatti che De Mouzon ei suoi colleghi hanno dovuto realizzare a mano, mostra che i gatti possono distinguere chiaramente tra il linguaggio umano “normale” e il linguaggio a loro destinato, “ma solo se fosse il loro proprietario”. disse De Mouzon.

Questo in effetti significa anche che i gatti riconoscono chiaramente il suono della voce del loro proprietario, ammette De Mouzon, ma questo è stato già dimostrato nel 2013 da Kazutaka Shinozuka del South Florida College of Medicine di Tampa, in Florida.

stretta connessione

I risultati sono esempi di un numero crescente di ricerche scientifiche che dimostrano che, contrariamente alla loro reputazione a volte distaccata, i gatti sono animali sociali che possono legarsi strettamente con i loro proprietari. Ad esempio, i ricercatori hanno dimostrato che i gatti controllano dove si trova il loro proprietario (reagiscono con sorpresa quando la sua voce arriva improvvisamente da altrove), che possono distinguere diverse emozioni nelle voci umane, che possono capire quando qualcuno “punta il dito contro qualcosa (questo era inaspettato) e si affidano ai loro proprietari per giudicare se qualcosa è pericoloso o meno.

“I gatti capiscono i loro proprietari meglio del contrario”, afferma Esther Bouma, esperta di comportamento felino presso la società di consulenza sul comportamento felino Katwijs. “Sono molto bravi ad adattarsi e ad apprendere le associazioni. Ad esempio, imparano che se il loro proprietario entra in cucina, potrebbero ricevere una sorpresa se ci camminano dietro. Bouma, che è anche un ricercatore, pensa che i risultati dello studio francese abbiano un senso: “Per la maggior parte dei gatti, il loro proprietario è la cosa più importante, le parole degli altri sono più rumore di fondo”.

strizzare gli occhi lentamente

Alcuni proprietari la troveranno persino una porta aperta, ammette, data la tendenza delle persone ad attribuire molte qualità umane al proprio animale. “La gente dice: ‘Sì, fa pipì sul mio letto perché è gelosa. È così che si vendica,’ ma non c’è alcuna indicazione che i gatti la pensino in questo modo.” Perché è importante utilizzare metodi di ricerca scientifica solidi.

“Gli scienziati fanno ricerca perché sono fondamentalmente egocentrici”, afferma De Mouzon, “ma tale ricerca può anche aiutare le persone a capire meglio, legare e prendersi cura del proprio gatto”. Ad esempio, è stato anche dimostrato che strizzare gli occhi lentamente per i gatti è un segnale positivo: non voglio dire niente di male. Bouma: “Quindi puoi usarlo consapevolmente se vuoi mettere a proprio agio un gatto”.

READ  I fai-da-te si rivelano un pericolo per se stessi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *