Assalto al Congresso raccontato da Alexandria Ocasio-Cortez

Nei prossimi giorni per attaccare il Congresso degli Stati Uniti, avvenute il 6 gennaio, le indagini dei pubblici ministeri federali avevano rivelato l’intenzione di alcuni degli aggressori di rapire e “assassinare membri del Parlamento”. Alexandria Ocasio-Cortez, 31 anni, parlamentare del Partito Democratico diventare noto nelle elezioni del 2018, ha affermato in diverse occasioni di aver paura di essere uccisa nell’attacco. Martedì, in un live su Instagram, ha spiegato nel dettaglio come ha vissuto gli eventi del 6 gennaio.

Nei minuti di apertura del video, Ocasio-Cortez discute l’importanza di continuare a discutere dell’assalto al Congresso, aggiungendo che coloro che chiedono di “andare avanti”, o “dimenticare quello che è successo”, “usano gli stessi metodi” di “abusare di altre persone. Nel video, dice di essere stata lei stessa vittima di abusi: “Sono una sopravvissuta alla violenza sessuale, e non ne ho parlato a molte persone nella mia vita”.

Ocasio-Cortez chiarisce che il suo racconto dell’attacco è personale e afferma che per diversi giorni prima, lei e altri parlamentari e senatori, democratici e repubblicani, si aspettavano che accadesse qualcosa, avendo ricevuto messaggi che consigliavano di stare attenti; soprattutto il 6 gennaio . .

– Leggi anche: Alcuni degli aggressori al Congresso volevano “assassinare i deputati”

Poco dopo le 13 di quel giorno, ci dice il video, Ocasio-Cortez ha sentito un forte pugno contro la porta del suo ufficio. È scappata, rifugiandosi in bagno. A questo punto, un uomo è entrato nel suo ufficio gridando “dov’è, dov’è?” Più volte, sbattendo contro le pareti, mentre rimaneva nascosta dietro la porta del bagno. Quando ha cercato di vedere chi fosse, attraverso la fessura della porta semiaperta, ha visto “un uomo bianco con un cappello nero”. Ocasio-Cortez ha detto di non essere mai stata “più calma” in vita sua e che era uno dei momenti in cui aveva più paura di morire.

READ  Melania Trump lascia la Casa Bianca e cambia la sua vita

Dopo un po ‘un membro del suo staff si avvicinò e le disse che poteva uscire, l’uomo minaccioso era fuori dal suo ufficio ed entrambi si rifugiarono nell’ufficio di Katie Porter, un membro del Congresso Democratico della California.

Porter stessa, ospite in televisione MSNBC, ha raccontato cosa è successo dopo, dicendo che ha trovato Alexandria Ocasio-Cortez molto spaventata e ha cercato di rassicurarla dicendo: “Sono una madre, sono calma, ho tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Possiamo sopravvivere in questo ufficio per un mese. Ocasio-Cortez ha risposto: “Spero di poter diventare anche io madre, spero di non morire oggi”.

Durante il Live Instagram, Ocasio-Cortez ha anticipato una possibile critica nei suoi confronti, dicendo che era consapevole che qualcuno potrebbe non credere alla sua storia e pensare di averlo fatto solo per far parlare la gente. Il deputato democratico, invece, ha voluto chiarire la necessità di parlare di trauma per sensibilizzare, spiegando che i traumi non possono essere semplicemente superati, ma “si accumulano uno sull’altro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *