tensioni dietro la crisi del Napoli

L’attesa esaurisce chi la vive e anche il rinnovamento, per un allenatore equilibrato, può condizionare prestazioni e obiettivi. Rino Gattuso ha riparato l’ultimo strappo su un rinnovo che se viene firmato, verrà reso noto e quindi pubblico quando un obiettivo si concretizza e sarà eliminato dal presidente Aurelio De Laurentiis cosa è stato detto da Ringhio ai giornalisti.

Con un calendario Così denso e decisivo, in questa fase, ciò che conta è focalizzare il risultato e non inquinare l’ambiente – già teso – con la questione del contratto e delle possibili alternanze.

Al Napoli Sfiora la semifinale di Coppa Italia con l’Atalanta, sabato la trasferta al Marassi con il Genoa, mercoledì il ritorno di uno Bergamo, Giovedì diciottesimo l’andata degli ottavi di finale di Europa League a Granada e domenica il Juventus a San Paolo.

Pranzo tra Gattuso e De Laurentiis

E questo volantino questo secondo La Repubblica di Napoli era il piano d’intesa tra il presidente e l’allenatore, firmato a Castelvolturno fine ottobre? Che ne è stato di questo?

Dopo un pranzo di discussione tra il presidente e il tecnico, sarebbe emerso questo dettaglio atteso e discusso: il progetto di un percorso comune fino a 2023. Invece questo patto morale non è mai stato firmato, mai firmato e anche la risposta di Rino durante la conferenza stampa e questa esplosione di microfoni sono segnali di un rapporto che resta da definire secondo i nuovi contorni della crisi.

I nuovi contorni della crisi napoletana

Da lei, Gattuso ha giocatori. E non è niente considerando il precedente del suo mentore e insegnante Carlo Ancelotti che ha portato via la sua famiglia e il personale da Napoli dopo il suo divorzio da Di. Non esattamente una frattura indolore, questa. Nemmeno per i giocatori che avevano preso la loro difesa.

READ  Hellas-Roma 0-0 alla fine del primo tempo. Ospiti più pericolosi, ma che emozione alla fine

La delusione di Rino forse è nato anche da questo accordo fissato su una nota, che non ha mai ricevuto una continuazione valida. E che ricalca pericolosamente uno schema già visto.

Il conflitto ADL-Gattuso: un nuovo modello

Una diatriba che non si svolge più nel silenzio di uno spogliatoio come il confronto raccontato da Paolo Sorrentino, ma tra il presidente-imprenditore e l’allenatore.

Molti di questi conflitti si sono susseguiti nella storia recente di Napoli. È buono? È male?

La novità sta nella reazione e nella gestione con un ruolo vantaggioso, almeno mediatico, assunto da Gattuso chi non è lì per interpretare il ruolo assegnato dal copione. Non è un uomo di cinema, ma un uomo di campo. La sfida portata a questo livello potrebbe avere un esito imprevedibile e segnare una svolta rispetto al recente passato. ADL non ama essere contraddetta nella gestione delle sue società, e Napoli è e preferisce i tecnici aziendali. Come sarebbe potuto finire Max Allegri, se quella promessa di nozze a un pranzo di fine autunno fosse stata persa.

VIRGILIO SPORT | 02-02-2021 11:45

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *