Attenzione perché la paura è tornata sui mercati anche per questo

Oggi, i mercati azionari sono in pendenza con cali significativi. Un inizio di settimana inaspettato per l’entità del calo. Discesa che ha cancellato tutti i supporti a breve termine e introdotto un nuovo scenario per i mercati per questa settimana.

Attenzione perché la paura è tornata sui mercati anche per questo. Scopriamolo grazie all’analisi dell’ufficio progettazione Proiezionidiborsa.

Attenzione perché la paura è tornata sui mercati anche per questo

Il riaccendersi dei timori sulla diffusione della pandemia in Europa e nel mondo ha causato il crollo di tutti i mercati azionari. Solo un positivo ha chiuso durante la prima sessione della settimana, l’indice giapponese Nikkei 225.

La borsa americana chiuderà solo in tarda serata, alle 22, ora italiana. Ma gli indici difficilmente riusciranno a recuperare le perdite subite in partenza. Dopo due ore di negoziazione, Wall Street perdeva in media il 2%.

Vedremo come andrà nel mercato americano. Nel frattempo sappiamo come è andata in Europa. Molto brutto. L’indice Ftse Mib (INDICE: FTSEMIB), ha chiuso in calo del 3,7%, terminando a 18.793 punti. L’indice tedesco Dax è andato molto peggio, scendendo del 4,4%.

La scusa per abbassare i prezzi è stata l’aggravarsi della pandemia Covid in tutto il mondo. Certamente il pericolo esiste, ma non al punto da provocare in questo modo un crollo dei prezzi.

La sensazione che la paura della pandemia sia una scusa

La sensazione è che i trader stessero cercando un motivo per scaricare l’ipercomprato dai mercati statunitensi. I corsi azionari, che girano da mesi e ai massimi storici, devono correggersi un po ‘e tornare su valori medi interessanti.

READ  Scadenze fiscali settembre 2020, pagamento delle imposte sospese, LIPE e spedizione 730 a colpo d'occhio

Quello che sorprende è la reazione dei mercati azionari del Vecchio Continente, un crollo di questa portata e così repentino, non era immaginabile venerdì. L’autunno si è concentrato nelle prime ore del mattino. C’è stato un tentativo di rimbalzo all’ora di pranzo, a causa di insabbiamenti da parte di coloro che si sono persi all’aperto dalla prima mattina. Poi con l’apertura negativa di Wall Street, le vendite sono aumentate.

È molto probabile che siamo sull’orlo di una forte correzione. Non lungo ma di dimensioni importanti.

Approfondimento

Per conoscere l’analisi di più giorni e il punto di vista del mercato internazionale dell’ufficio progettazione di ProiezionidiBorsa, cliccare su Oms.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *