Attivisti che hanno scaricato la zuppa di pomodoro su cauzione con divieto di museo e colla |  Media

Attivisti che hanno scaricato la zuppa di pomodoro su cauzione con divieto di museo e colla | Media

I due attivisti che hanno lanciato la zuppa di pomodoro contro un dipinto di Vincent van Gogh a Londra venerdì sono stati rilasciati su cauzione e condizioni. Non possono visitare musei o gallerie d’arte o portare vernice o colla in luoghi pubblici.

Lo ha deciso sabato il giudice britannico dopo l’incriminazione delle due donne, di 20 e 21 anni. Gli attivisti sono stati accusati di vandalismo. Loro stessi si sono detti innocenti. Dovrebbero comparire nuovamente in tribunale il 13 dicembre.

La coppia ha lanciato venerdì pomeriggio una lattina di zuppa alla National Gallery girasoli di Van Gogh. Poi si sono incollati al muro con una mano. Con la loro azione volevano protestare contro il cambiamento climatico e l’aumento del costo della vita. Uno di loro gridò: “Che cosa vale di più: l’arte o la vita?

Van Gogh ha dipinto il girasoli nel 1888. L’opera è stimata in 85 milioni di euro. Il dipinto è rimasto intatto, perché davanti c’era una lastra di vetro. L’elenco è stato danneggiato.

Questa non è la prima volta che le persone si attengono a dipinti famosi. Di recente, altri individui si sono incollati alle opere di John Constable e Pablo Picasso.

Le azioni provocano reazioni rabbiose nel settore artistico. L’ex direttore del Rijksmuseum Wim Pijbes si chiede perché gli attivisti per il clima non si attengano all’auto di Max Verstappen se vogliono fare una dichiarazione. Ha detto che sabato nel NOS Radio 1 Notizie.

READ  Romy Boomsma ha uno stadio preliminare di cancro cervicale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *