Banchieri che hanno aiutato il “portafoglio di Putin” a setacciare milioni di condannati in Svizzera

Banchieri che hanno aiutato il “portafoglio di Putin” a setacciare milioni di condannati in Svizzera

Banchieri che hanno aiutato il “portafoglio di Putin” a setacciare milioni di condannati in Svizzera

Putin stringe la mano al suo caro amico Roldugin durante una manifestazione nel 2016.Immagine ANP/AFP

Roldugin ha aperto conti presso Gazprombank a Zurigo nel 2014. È la banca d’investimento dell’omonimo colosso russo del gas. I milioni che Roldugin ha depositato sul conto fino al 2016 compreso potrebbero non essere stati suoi. In Svizzera è obbligatorio ricercare l’origine dei depositi in caso di dubbio. L’importo totale che Roldugin ha depositato è di circa 30 milioni di euro.

Chi sia il vero proprietario dei milioni contesi non è mai stato stabilito con certezza. Si sospetta che Roldugin agisca come il capo finanziario del presidente russo Putin. Gli uomini sono buoni amici. Roldugin è il padrino di Maria, la figlia maggiore di Putin.

Circa l’autore
Joram Bolle è relatore generale di di Volkskrant.

Il giudice non incolpa i quattro banchieri, tre russi e uno svizzero, di non aver trovato il proprietario del denaro. Tuttavia, avrebbero dovuto stabilire che l’origine dei fondi non poteva essere determinata. Data la situazione politica in Russia e il fatto che gli oligarchi russi erano noti per accumulare denaro all’estero attraverso schemi loschi, i banchieri avrebbero potuto sospettare che l’accordo fosse inaffidabile.

Solo nel 2016 Roldugin è stato interrogato, nonostante non fosse noto come uomo d’affari e avesse aperto un conto presso una banca d’affari. L’account è stato chiuso dopo nessuna risposta.

Il violoncellista Roldugin si esibisce a Mosca nel 2016. ImageGetty Images

Il violoncellista Roldugin durante un’esibizione a Mosca nel 2016.ImmagineGetty Images

Roldugin è anche conosciuto come “il portafoglio di Putin”. Lo stesso violoncellista ha dichiarato nel 2014 Il New York Times che “non ha milioni”. All’epoca, tuttavia, aveva 350 milioni di dollari al suo attivo. Nel 2016, i Panama Papers hanno rivelato che Roldugin era coinvolto in una vasta rete di società offshore forse legate a Putin.

READ  Covid: via libera al quinto vaccino, Novavax - Mondo in Francia

I banchieri sono stati multati di 741.000 franchi svizzeri (744.000 euro). Tuttavia, è condizionale, con un periodo di prova di due anni. Tuttavia, stanno impugnando la decisione. Pensano che fosse concepibile che lo stesso Roldugin fosse ricco.

Abbastanza sorprendente, gli avvocati hanno invocato la stessa difesa dell’accusa, ma con una conclusione diversa: Roldugin era amico di Putin e quindi aveva accesso a “risorse finanziarie speciali” che gli hanno permesso di accumulare una cospicua fortuna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *