Barcellona e nuovo presidente Laporta: tra scandali e bilanci, il peggior ritorno al passato | Prima pagina

Un ritorno al passato in perfetta sintonia con un presente fatto di macerie economico e morale. Dover eleggere il “nuovo” presidente I partner del Barcellona hanno rimesso il più anziano in cima al club blaugrana tra gli strumenti disponibili in loco: l’avvocato Joan Laporta, ex manager del club dal 2003 al 2010, anno in cui il suo ciclo è finito male.

Niente che non possa essere aggravato dai successori, però. Perché tra Laporta 1 e Laporta 2 c’erano due presidenti che hanno subito l’umiliazione di prigione. È stato il primo turno di Sandro Rosell, che ha trascorso 604 giorni in custodia cautelare per riciclaggio di denaro tra il 2017 e il 2019, prima di essere assolto (OMS); tuttavia, gli resta attribuito il caotico balletto di pagamenti e commissioni per lui Trasferimento di Neymar da Santos nell’estate del 2013.

E la scorsa settimana è stato il turno di Josep Maria Bartomeu (OMS), si è dimesso alla fine di ottobre 2020 con l’accusa di aver utilizzato i soldi del Barca per pagare una società privata (I3 Ventures) per creare la sua “bestia”. È un macchina per costruire contenuti web dai toni trionfali per lui e, soprattutto, denigrante per i nemici internii, inclusi Leo Messi e Gerard Piqué (OMS).

Rispetto ai due successori-predecessori, Joan Laporta non ha subito alcuna detenzione. Ma scandali, legati all’uso fortuito del Barça per interessi personali o ad un esercizio senza scrupoli del potere presidenziale, sì. Che ne sia uscito indenne dal punto di vista giuridico non cambia il giudizio etico e morale. E che questo difetto non ha influito sul risultato delle elezioni presidenziali, che lo hanno visto premiato con il 54,28% dopo una delle consultazioni più apprezzate della storia (34.184 votanti), ccostituisce la confutazione finale del racconto sul modello del Barça come esempio di democrazia e partecipazione popolare.

READ  le tre storie del girone di Champions League

Perché ci sia democrazia, non è sufficiente che i tifosi eleggano il presidente. Sarebbe anche necessario che seguissero e influenzassero il suo lavoro, piuttosto che aiutare impotenti a costruire un deficit che ha superato il miliardo. euro o rieleggere personalità molto screditate. Il ritorno di Joan Laporta, undici anni dopo i suoi addii, è la lapide di una modella e di una storia.

Ma su quali episodi si basa questo giudizio negativo, peraltro condiviso da gran parte del Barcellona? La risposta è che si basa su almeno tre record.

Il primo si aggiunge alle accuse contro Bartomeu dei giorni scorsi e costituirebbe la base del suo ordine di arresto: l’uso del denaro di Barcellona per pagare un’agenzia esterna e ordinare attività per nulla istituzionali. Ai tempi di Laporta si trattava di un’operazione di spionaggio, condotta contro possibili rivali del gruppo dirigente al potere ma anche politici, calciatori blaugrana (tra cui Ronaldinho, Eto’o e Deco), persino giornalisti e giudici. La società designata per esercitare l’attività di spionaggio, tra il 2008 e il 2010, si chiama Método 3 (OMS). Laporta ha cercato di negare di essere coinvolto nel caso, nonostante il fatto che alcuni protagonisti abbiano detto una versione completamente diversa (OMS).

Due principali rappresentanti della squadra presidenziale piace Joan Oliver e Ferran Soriano (quest’ultimo è l’attuale amministratore delegato del Manchester City) sono state poi denunciate dal Barcellona sotto la presidenza di Sandro Rosell, accusato di aver utilizzato i soldi dell’azienda (circa 2,4 milioni di euro) per scopi impropri. Nel 2017 la causa è stata ritirata perché nel frattempo i due avevano pagato un risarcimento (OMS).

READ  Aprilia svela la Rs-Gp 2021, con Gresini nel cuore

La seconda storia è stata riportata dall’agente turco Bayram Tutumlu e indirettamente narrato da Calciomercato.com nell’agosto 2019 (OMS). Frugale accusa Laporta di aver sfruttato Barcellona per avviare, tramite il suo studio legale Laporta & Arbós, ricchissimi rapporti di consulenza con il regime dittatoriale dell’Uzbekistan guidato da Islam Karimov e soprattutto con la figlia dell’autocrate, Gulnara Karimova. Tutumlu ha anche portato in tribunale Laporta perché riteneva di aver fatto da intermediario tra il presidente del Barça e il regime uzbeko e quindi richiesto il 10% dei proventi della consulenza. E davanti ai giudici, Laporta doveva dichiarare di aver portato più di 10 milioni di euro per i servizi legali forniti al regime uzbeko, mentre Barcellona era usata dal regime come strumento di propaganda (OMS). Con una sentenza del novembre 2011, il tribunale di Barcellona ha stabilito che le affermazioni di Tutumlu non esistevano (OMS). Il che, tuttavia, non ha sciolto le ombre su Laporta e su come ha usato il Barcellona in questa storia.

Il terzo episodio è diventato noto nel 2017. Si tratta di una società maltese fondata nel 2016 e denominata BMVP Limited, in cui Laporta ha collaborato con il superagente israeliano Pini Zahavi (OMS). La notizia è stata rivelata nell’ambito dell’operazione Paradise Papers, dedicata all’economia offshore. E dal punto di vista dei tifosi del Barcellona, ​​era strano che un ex presidente blaugrana facesse acquisti con il super agente indicato come il principale artefice della “rapina” di Neymar avvenuta nell’estate del 2017 a beneficio del Paris Saint Germain. Dopo la diffusione della notizia, Laporta ha lottato per smentire.

READ  Coppa Italia, le parole di Stefano Pioli su Inter-Milan

Eppure, va notato che in queste ore, mentre ancora si festeggia la sua elezione, tenta il primo colpo della sua presidenza: l’austriaco David Alaba. Quello che scade con il Bayern Monaco e non si rinnova a causa delle esorbitanti richieste del suo agente, definito “goloso piranha” dalla dirigenza bavarese. Questo agente risponde al nome di Pini di Zahavi (OMS).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *