Beatrijs Ritsema (1954-2023) è stata la regina del galateo contemporaneo

Beatrijs Ritsema (1954-2023) è stata la regina del galateo contemporaneo

Beatrijs Ritsema prescritto da oltre vent’anni lealtà la sezione Modern Ways, sulle nostre vicissitudini nei nostri rapporti quotidiani con l’altro. È diventata la sezione più popolare del giornale. È morta giovedì.

Andrea Bosman

In una delle prime puntate di Modern Manners, la rubrica che andrà in onda da settembre 2002 lealtà pubblicato, Beatrijs Ritsema risponde a una giovane donna infastidita dalle grossolane abitudini alimentari di un amico: “Non prenderla troppo sul serio. È un tuo amico e non un amante. Le feroci relazioni amorose a volte possono andare in pezzi a causa di differenze ambientali o abitudini alimentari spiacevoli, ma una piccola amicizia dovrebbe essere in grado di resistere a tutto ciò. La risposta, in tutta la sua sobrietà, leggerezza e pragmatismo, avrebbe potuto scriverla lei ieri. Proprio come la domanda, tra l’altro: secondo lei, queste domande non sono cambiate così radicalmente in tutti questi anni, ha detto qualche anno fa in un’intervista a lealtà.

In vent’anni, Modern Ways, in cui lo psicologo sociale Ritsema rispondeva alle domande sulle buone maniere e su altri problemi dei lettori, è diventata la colonna più letta, più votata e più amata in lealtà. Domande e risposte su matrimoni complicati, funerali difficili, regali indesiderati, colleghi molesti, mariti impossibili, cavie morte, figliastri, soldi e altri argomenti hanno costantemente superato le statistiche in materia di lettori.

Un rito Beatrice il sabato mattina

Nessun’altra sezione del giornale ha ricevuto così tante risposte dai lettori. Le domande e le risposte sono state scritte correttamente. Molti lettori si sono rivelati lì, gli hanno detto con entusiasmo nei giorni di lettura lealtà dove è stata invitata più volte, per avere uno speciale rito Beatrice il sabato mattina. Quindi uno leggeva la domanda all’altro, con la risposta coperta. Poi ci sono state speculazioni su cosa avrebbe risposto Beatrice. E poi sono arrivate le prove. E quante volte non abbiamo vissuto una situazione che ha suscitato il grido: “Una vera domanda per Béatrice!

Tali occasioni, una simile giornata di lettura, non erano le più facili per lei. Ha scoperto che parlare, soprattutto di fronte a un pubblico, è più complicato che scrivere, ha detto.

Con le sue risposte a volte poco ortodosse o spigolose, non si limitava a suscitare approvazione. Molte delle email che sono finite nella casella di posta della rivista Tijdgeest, dove la sua rubrica è apparsa negli ultimi anni, iniziavano allo stesso modo: “In generale sono d’accordo con te / Amo Béatrice / I consigli di Béatrice mi sono sempre stati molto utili , ma questa volta…’, dopodiché l’autrice della mail ha spiegato perché aveva davvero mancato il bersaglio. Una lettera recente che ha avuto molte reazioni è stata il suo consiglio di andare a Maiorca con la se l’interrogante non vuole più volare.”Questo viaggio in aereo non spingerà il pianeta sull’orlo del baratro”, ha scritto Beatrice.

La famosa ora del pastore

La lettera di uno dei primi anni di lealtà sull ‘”Ora del pastore”, in cui consiglia a un gay di 26 anni che si lamenta della sua relazione sessuale difettosa di fare sesso segreto fuori dalla porta di tanto in tanto. Poi sono piovute lettere. Principalmente a causa della segretezza. sul suo sito web il test che ha dedicato alla domanda in risposta.

Coloro che la seguivano potevano davvero vedere i modelli. Secondo suo figlio, si stava divertendo di Volkskrant, ha consigliato a chiunque abbia difficoltà con la loro relazione, “Smettila!” Anche quello che ha detto era vero: non credeva nel parlare quando le cose erano già difficili. E annullare attivamente le amicizie? Non farlo mai, al massimo riduci la frequenza.

Beatrijs Ritsema al Trouw Columnist Day, novembre 2020. Immagine Werry Crone

Beatrijs Ritsema durante il Trouw Columnist Day, novembre 2020.Figura di Werry Crone

La sezione, che lei in precedenza per PS/Tempo scritta, anzi continuata su un giornale, cominciava in un’epoca in cui anche i giornali lealtà, ha progressivamente prestato maggiore attenzione alla vita personale, alle questioni legate alla vita quotidiana dei lettori e non solo alle grandi notizie dal mondo. Che riguardava non solo la testa, ma anche il cuore.

La particolarità di questa sezione è stata che Ritsema ha dato al concetto di galateo un nuovo significato, che non riguardava la corretta posizione di bicchieri, posate e tovaglioli, ma lo estendeva alle relazioni sociali: regole di comportamento, come tenerle un po’ belle e civilizzati l’uno con l’altro, come ci rapportiamo a tutti i dilemmi che incontriamo ogni giorno?

La fonte di ispirazione è stata la sezione Miss Manners Il WashingtonPost, scritto da Judith Martin, ora 84 anni. A Ritsema piaceva leggerlo quando viveva a Washington, anche se la signorina Manners, dice, era più interessata all’etichetta “reale”, come come scrivere un biglietto di ringraziamento.

‘Cara Beatrice’ è un personaggio

Nonostante tutti gli argomenti che passavano: dubitava che la gente potesse davvero conoscerla attraverso la cronaca. Non era nemmeno la sua prima necessità.

“‘Cara Beatrice’ è un personaggio”, ha detto a Dana Ploeger che l’ha intervistata nel 2017. lealtà. Non era come nella vita di tutti i giorni, con suo marito (ex-NRCeditore Maarten Huygen) e i suoi tre figli adulti (due maschi e una femmina). Poi non dava consigli, e non era neanche particolarmente moralista, diceva. “Non ho altre qualità da guru. Anche i miei figli pensavano che fosse abbastanza ridicolo che avessi passato la vita a fare l’esperta di etichetta.

Ritsema si considerava prima di tutto una giornalista, una persona che vuole scrivere qualcosa di buono e divertente, non una “consulente di vita”. Ma come qualcuno che è molto interessato al comportamento umano. Anche per questo ha iniziato a studiare psicologia sociale. Ha iniziato come scienziata sociale all’Università di Leida, dopodiché ha lavorato per un breve periodo come redattrice della rivista studentesca. Propria Trattamenti. Dal 1983 lavora come giornalista freelance per Coltello a mano NRC, PS/Tempo, Paesi Bassi liberi E lealtà. Ha scritto diversi libri, tra cui la raccolta di saggi L’ego assediato, Cordiali saluti. Una guida all’amore E Il grande libro del galateo. pubblicato nel 2020 etichetta modernauna nuova raccolta di colonne.

Lavorare sodo aiuta meglio che parlare

Perché si è gettata con tanto amore e dedizione nei problemi spesso relativamente piccoli ma spinosi degli altri? Lei stessa ha beneficiato di una rigida educazione nella famiglia in cui è cresciuta. Erano tre sorelle. Erano i pazzi anni Sessanta, Settanta. Non era concesso molto. Non per moralità, ma per le paure di sua madre. Il fatto che sua sorella sia stata uccisa da un guidatore ubriaco all’età di sedici anni è stato un terribile disastro per la famiglia, ha detto in lealtà. In seguito suo padre, un abile alpinista, gli cadde di testa, una caduta che gli danneggiò il cervello e non sarà mai più la stessa. Vedere come il matrimonio dei suoi genitori si è poi trasformato in un inferno è stato terribile per lei.

Quando sua sorella è morta, lei se n’era già andata. L’ha cancellato e ha iniziato a lavorare e studiare molto duramente, ha detto. “Non sono tipo da sdraiarsi sul divano a piangere e non riesco a pensare a niente di cui parlare. Spesso le persone non sapevano nemmeno della morte di mia sorella perché non ne parlavo. Non puoi essere aiutato o confortato comunque. Penso che lavorare sodo aiuti meglio che parlare.

Da bambina ‘Shell’ è cresciuta in parte all’estero: è nata in Tunisia, poi ha vissuto in Colombia, Paesi Bassi e Belgio francofono. Trasferirsi da ragazzina non è stato un problema per lei, si è sempre adattata abbastanza velocemente. Quando aveva undici anni ei suoi genitori partirono per la Turchia, rimase in un collegio nel Brabante. Ha lottato per trasferirsi a L’Aia da adolescente. Successivamente visse con il marito, in quegli anni corrispondente per NRC, a Washington. Si sentiva come se potesse vivere ovunque, ha detto.

Più di un anno fa la redazione ha ricevuto un messaggio da Beatrijs: era malata, aveva un cancro ai polmoni e non sarebbe guarita. Non era un segreto, ma non aveva nemmeno bisogno di essere reso pubblico: troppo clamore e reazioni, ad esempio da parte dei lettori, non facevano per lei. Voleva continuare a scrivere il più a lungo possibile, e lo fece. Fino all’ultima rubrica che ha inviato questa settimana con l’aiuto di suo figlio.

In omaggio a Beatrijs Ritsema, vorremmo mostrare quanto fosse importante per i nostri lettori. Quanto è stato importante per te Modern Manners? Si prega di inviare un’e-mail di non più di 150 parole a [email protected]entro e non oltre mercoledì 22 marzo alle ore 12:00

Leggi anche:

Gli ultimi cinque consigli di Béatrice

Quante volte riesci a sussurrare “mmm…” durante un pasto? Leggi qui gli ultimi consigli di Beatrijs Ritsema.

READ  Estate 2021, come viaggeremo? Boom di prenotazioni per case vacanza e barche L'elenco dei paesi sicuri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *