Bella, la madre dell’aggressore: “Prima di scoprire la fede, consumava alcol e droghe”

Parole di famiglia – Sconvolti i familiari del giovane tunisino che, mercoledì 29 ottobre, ha accoltellato a Nizza diverse persone, tre delle quali hanno perso la vita. La madre e il fratello hanno riferito a un corrispondente di AFP per non essere riuscito a spiegare come Brahim avesse potuto compiere un gesto così serio.

La sua vita in Tunisia – Nato in una grande famiglia di otto figlie e tre figli, viveva con i suoi genitori in un quartiere popolare alla periferia della città costiera di Sfax, in Tunisia. “Da quando ha lasciato il liceo, ha lavorato nella riparazione di motociclette”, ha detto la madre, chiedendo di rimanere anonima.

Dopo aver risparmiato denaro, ha aperto una piccola presa di benzina. “Le ho detto di affittare un piccolo stand con questi 1.200 dinari (circa 400 euro) in modo che io potessi lavorare”, ha detto la donna, che ha aggiunto: “Mi ha detto che voleva costruire un capannone da vendere benzina”.

Fede – Il giovane, che per due anni aveva abbandonato alcol e droghe per dedicarsi alla religione, aveva già tentato invano la pericolosa traversata del Mediterraneo per arrivare in Italia. Ma, secondo suo fratello Yassine, non aveva avvertito i parenti di questo nuovo inizio.

Arrivato in Francia – L’ultima telefonata è arrivata il giorno prima dell’attacco, quando il 21enne ha informato la sua famiglia che sarebbe venuto in Francia per cercare lavoro. “In Italia, aveva iniziato a lavorare nella raccolta delle olive”, ha aggiunto il fratello.

La Tunisia condanna il gesto – La Tunisia ha condannato l’atto terroristico e ha aperto un’indagine. “Brahim Aoussaoui, classe 1989, non è stato identificato come terrorista dalle autorità tunisine”, ha spiegato alAFP Il sostituto procuratore generale presso il Tribunale di primo grado di Tunisi, Mohsen Dalì, che ha anche affermato: “Ha lasciato illegalmente il paese il 14 settembre e ha precedenti penali per violenza e droghe. “

READ  Coronavirus, l'esperienza della Slovacchia: campioni rapidi per l'intera popolazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *