Biden e Xi chiedono più di due ore di guerra in Ucraina;  piccolo accordo

Biden e Xi chiedono più di due ore di guerra in Ucraina; piccolo accordo

Biden e Xi chiedono più di due ore di guerra in Ucraina;  piccolo accordo

Il presidente Joe Biden in una precedente videochiamata con il presidente cinese Xi Jinping.Punto di accesso all’immagine

Biden e Xi hanno avuto un contatto telefonico diretto per la prima volta da quando la Russia ha invaso l’Ucraina. La conversazione è durata più di due ore. Secondo i media statali cinesi, Xi Biden è stato tenuto a conferenze sull’importanza della pace nel mondo. La Casa Bianca non ha ancora commentato la telefonata.

Xi e il presidente russo Vladimir Putin hanno firmato il mese scorso una nuova partnership strategica: una “cooperazione senza confini” che va oltre l’alleanza formale. Dall’invasione, Pechino ha dato segnali contrastanti sulle azioni della Russia in Ucraina. Dichiarazioni ufficiali scatenano filippiche contro gli Stati Uniti, con la Cina che spinge per una nuova architettura di sicurezza europea che prenda sul serio le “preoccupazioni per la sicurezza russa”.

Tuttavia, Pechino afferma anche di rispettare la sovranità del suo partner commerciale, l’Ucraina. Fan Xianrong, ambasciatore cinese in Ucraina, lunedì è andato su Twitter per esprimere la sua ammirazione per la “forza e unità” del popolo ucraino. Mentre la disinformazione filo-russa circola sui social media cinesi, l’agenzia di stampa statunitense CGTN, il braccio internazionale della televisione di stato cinese, ha twittato filmati di civili uccisi su Twitter poco prima della conversazione tra Xi e Biden dai bombardamenti russi mentre si schieravano. pane. Sebbene la CGTN non abbia usato la parola “guerra”, questa copertura negativa della Russia è notevole.

Stampa cinese

Mentre la Cina si è astenuta dal votare sull’Ucraina nel Consiglio di sicurezza, la comunità internazionale continua a esortare la Cina a condannare la Russia. Ma Pechino si avvolge in strati di ambiguità, giocando all’innocenza assassinata. L’ambasciatore cinese negli Stati Uniti, Qin Gang, ha scritto questa settimana in un articolo di opinione sul quotidiano americano: Il Washington Post che la Cina avrebbe fatto di tutto per evitare lo spargimento di sangue se Pechino fosse stata consapevole della “crisi imminente”.

La Cina era ben consapevole, almeno secondo i diplomatici statunitensi, che affermano che i piani della Russia sono stati rinviati su richiesta di Xi fino a dopo le Olimpiadi di Pechino. Questa storia, che Pechino smentisce, fa parte della strategia americana per aumentare la pressione su Xi affinché mostri il suo colore.

È in questa luce che bisogna considerare i resoconti dei media statunitensi non confermati di diplomatici statunitensi che hanno informato il governo cinese sui preparativi di guerra della Russia alla fine dello scorso anno. Non solo i diplomatici cinesi avrebbero respinto questi avvertimenti, ma avrebbero persino trasmesso le informazioni americane ai russi.

Aiuto cinese alla Russia

Questa settimana, gli Stati Uniti hanno affermato che la Russia ha chiesto a Pechino armi e altri aiuti militari, dai droni ai pasti per l’esercito russo. Cina e Russia lo negano. Lunedì, il consigliere per la sicurezza di Biden Jake Sullivan e l’alto diplomatico cinese Yang Jiechi si sono scontrati verbalmente durante un incontro di sette ore a Roma, quando Sullivan ha avvertito che gli aiuti cinesi alla Russia, finanziari o militari, avrebbero “gravi conseguenze”.

La Cina afferma che perseguirà la “normale cooperazione economica e commerciale” con la Russia, ma nel frattempo le banche e le società cinesi aderiscono rigorosamente alle sanzioni. In quanto paladina della globalizzazione, la Cina non può ancora permettersi di perdere i mercati occidentali. D’altra parte, Xi sa anche che a causa di questa interdipendenza, le sanzioni contro la Cina avranno effetti disastrosi anche sull’economia europea e americana.

Per Pechino, la telefonata con Biden non riguardava solo la posizione della Cina sulla guerra in Ucraina. La questione di Taiwan è molto più importante per Pechino, che vede Taiwan come una provincia rinnegata che deve comunque essere portata sotto il dominio cinese. Pechino ha sottolineato questa premessa consentendo alla portaerei Shandong di attraversare lo Stretto di Taiwan poche ore prima dello scalo tra Xi e Biden. Questa è una questione molto delicata: Taiwan ama con un occhio su di esso se la Cina intensifica l’attività militare intorno a Taiwan mentre gli Stati Uniti sono distratti dalla guerra in Ucraina.

READ  La giuria d'inchiesta sta valutando se Trump debba essere perseguito per aver preso d'assalto il Campidoglio | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *