Biden: le sentenze sulle armi e sull’aborto non hanno motivo di cambiare la Corte suprema | All’estero

Giovedì la Corte Suprema ha stabilito che gli americani hanno il diritto costituzionale di portare un’arma da fuoco all’aperto, cosa che stati come New York e la California hanno ampiamente vietato. Venerdì, la corte ha stabilito che non esisteva il diritto federale all’aborto, ma che spettava agli stati prendere le proprie decisioni. L’aborto dovrebbe diventare illegale immediatamente o nel prossimo futuro in 26 stati.

Da tempo gli Stati Uniti chiedono un’estensione della Corte Suprema, al fine di sbarazzarsi della maggioranza dei membri conservatori, che occupano sei dei nove seggi della corte. La senatrice Elizabeth Warren, tra gli altri, l’ha chiesto l’anno scorso. La Costituzione degli Stati Uniti non dice nulla su quanti membri deve avere la Corte Suprema. Il numero dei membri è cambiato sei volte nella storia e si attesta a nove dal 1869.

giudizio di aborto

Sebbene Biden non abbia in programma di espandere il tribunale, sta cercando soluzioni per revocare il diritto all’aborto, ha affermato un portavoce. Sono allo studio ordini esecutivi che Biden può emettere per migliorare la situazione. Ma nessun decreto può “riempire il vuoto lasciato da questa sentenza” del tribunale, avverte il suo portavoce. “Questo può essere riempito solo se il Congresso decide di agire”.

Biden aveva precedentemente invitato il parlamento degli Stati Uniti in un discorso di venerdì ad approvare leggi che stabilissero il diritto all’aborto.

Democratici di minoranza

Diversi senatori statunitensi hanno espresso la loro delusione nei confronti di Brett Kavanaugh e Neil Gorsuch. Entrambi sono membri conservatori della Corte Suprema che venerdì hanno votato per abrogare il diritto all’aborto, anche se prima della loro nomina sembravano suggerire che non l’avrebbero fatto. Lo riporta il New York Times.

READ  Il governo ombra del Myanmar rivendica il controllo di metà del Paese

La senatrice repubblicana Susan Collins ha parlato per due ore nel 2018 con Kavanaugh, che ha dovuto affrontare una dura nomina al Senato dopo che una donna lo ha accusato di stupro. Collins ha finito per essere una delle voci cruciali di Kavanaugh dopo avergli promesso che non avrebbe revocato il diritto all’aborto. “Mi sento fuorviato”, ha detto Collins al Times.

Anche il democratico Joe Manchin, l’unico democratico a votare per la nomina di Kavanaugh, ha espresso delusione. “Mi sono fidato di Brett Kavanaugh e Neil Gorsuch quando hanno testimoniato sotto giuramento di considerare Roe v. Wade una giurisprudenza costante e sono allarmato dal fatto che abbiano scelto di sfidare la stabilità che due generazioni di americani hanno conosciuto. grazie a Roe”, ha detto ha detto al giornale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.