Incontro con l’Imperatrice Elisabetta al Castello di Miramare a Trieste

Con gli occhi sbarrati, guardo attraverso gli alberi verdi il bianco splendore davanti a me. “Wow,” sospiro. Il castello da favola di Miramare fu residenza estiva dell’arciduca Massimiliano d’Asburgo-Lorena, cognato della famosa imperatrice Elisabetta (Sisi) d’Austria. Quello che pochi sanno è che Sisi trascorse del tempo a Miramare. Da grande fan, non vedo l’ora che arrivi questo giorno.

Impennata, scendo la scalinata di marmo. I ciottoli scricchiolano sotto le mie infradito mentre cammino attraverso il terreno soleggiato. Alla mia destra, vedo una balaustra scolpita nella pietra. Sotto, il mare azzurro e limpido che circonda Miramare si increspa.

Il Castello di Miramare fu edificato tra il 1856 e il 1860 per ordine di Massimiliano. Dopo che suo fratello, l’imperatore Francesco Giuseppe, lo sollevò dai suoi doveri a Vienna, lasciò il Belgio con la moglie, la principessa Carlotta, per l’Italia. Appena fuori Trieste, Massimiliano naufraga. I pescatori lo salvano dalle acque del mare, così il futuro imperatore del Messico ebbe l’idea di costruire la sua residenza estiva sulla costa adriatica, in altre parole: il Golfo di Trieste. Sissi soggiornò quattordici volte a Miramare.

All’interno di una nave su Miramare

finestra della camera da letto con vista mare

Al castello compro un biglietto da giovane a due euro e inizio il percorso. La prima stanza assomiglia molto alla cabina di una nave. Questo era il desiderio di Massimiliano per Miramare: il castello doveva sembrare una barca dall’interno.

Mi chiedo cosa ne abbia pensato Sissi mentre girovago per le tante stanze buie. La libertà e il viaggio erano importanti per Elisabeth. La rigida Vienna non poteva darglielo. “Si sentiva più libera qui?” Mi chiedo mentre guardo fuori dalla finestra della camera di Massimiliano e Charlotte.

READ  Patrick Lefevere: "Mark Cavendish non può dire ora che la squadra non lo ha sostenuto" | pagamento

C’è una maledizione sul Castello di Miramare?

sisi2

Maximilien non vide mai il castello completato nella sua interezza. Fu assassinato in Messico. Di conseguenza, sua moglie Charlotte divenne depressa. Circolano storie che il suo dolore abbia maledetto il castello. Chi dorme a Miramare muore giovane. Questa maledizione potrebbe aver contribuito alla morte violenta di Sissi a Ginevra.

Quello che mi colpisce è che non c’è sicurezza intorno al castello. Non vale nemmeno la schermatura di alcuni mobili: in sala da pranzo ci si può semplicemente sedere a tavola. La gente lo filma continuamente, quando chiaramente non è consentito. Ci sono tavole da costruzione sul pavimento della sala da biliardo. Penso che sia un aspetto negativo: toglie un po’ la magia del castello. Anche se un impiegato del museo mi dice che Trieste non si vergognava di essere governata dagli Asburgo, Miramare mostra così qualcosa di diverso.

L’imperatrice Sissi e l’imperatore Francesco Giuseppe

All’ultimo piano, mi imbatto nel primo pannello di Sisi. Nel soggiorno è appeso un ritratto dei suoi primi anni. In un’altra stanza, vedo un dipinto che racconta l’arrivo di Sisi e Frans-Joseph a Miramare nel 1861. Trovo speciale vedere che una persona può cambiare così tanto nel corso degli anni. In un ritratto, vedo una ragazza, libera dallo stress. L’altro dipinto mostra una donna segnata dalla vita, il viso profondamente corrugato, che stringe la mano a sua cognata.

Giardini Miramare

Con il sole che mi pizzica la pelle, rimango fuori sul molo roccioso un po’ più tardi. Da questo punto, guardo in diagonale contro il lato del castello bianco. Di fronte a me c’è la banchina dove si può scendere su entrambi i lati con una scalinata in pietra, un po’ in acqua. Alcuni turisti si appoggiano allo schienale, seduti sulle scale, con i piedi che si rinfrescano nell’acqua limpida. Massimiliano trasformò una lunga striscia lungo la costa in un giardino per il quale aveva raccolto alberelli e piante speciali durante le sue peregrinazioni in Sud America. Questo giardino è sempre speciale da visitare.

READ  Campania "zona rossa", De Luca attacca il governo: "Non ha resistito a un'ondata di saccheggi politici e mediatici"

miramare3

Mi rendo conto che quasi 160 anni fa, è qui che ormeggiava la barca con Sisi e Frans-Jozef. Questo è il luogo della pittura. Com’è divertente che un posto possa improvvisamente diventare molto reale per te. Vedo l’Imperatrice lì in piedi, che si guarda intorno con aria assente e escogita un piano per uscire da questa visita di lavoro.

Miramare è il primo castello che visito con le associazioni Sisi. Non sono certo deluso. È facile capire perché Elisabetta venisse spesso qui. A causa della disposizione simile a una nave, del mare che sembra trasportare Miramare e della distanza da Vienna, sembra un bel posto in cui rifugiarsi come viaggiatore. Non troppo a lungo, perché l’imperatrice non poteva farlo da nessuna parte.
Non vedo l’ora della mia prossima visita a Sisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.