Biden rafforza i legami con il ‘paria’ Arabia Saudita, visita programmata

Biden rafforza i legami con il ‘paria’ Arabia Saudita, visita programmata

Nella creazione di la tregua estesa nello Yemen, l’Arabia Saudita ha “dimostrato una leadership coraggiosa”, in particolare il re Salman e il principe ereditario Mohammed bin Salman. Mittente di questo messaggio: il presidente degli Stati Uniti Biden.

Lo stesso Biden ha promesso nel 2018 come candidato alla presidenza che il regno “pagherà il prezzo e diventerà il paria che è veramente”. Ha detto che dopo l’orribile omicidio del giornalista Jamal Khashoggi in Turchia, con l’approvazione del principe ereditario, determinato la CIA† Biden sta ora pianificando una visita in Arabia Saudita e probabilmente Mohammed bin Salman, riportano i media statunitensi.

I dettagli del viaggio non sono ancora noti, ma Biden dovrebbe partecipare a una riunione del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC). Oltre all’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Oman, Qatar e Bahrain sono membri di questa organizzazione, tutti i principali paesi produttori di petrolio. Il petrolio è uno dei temi principali del viaggio di Biden, che lo porta più lontano attraverso Europa, Israele, Egitto, Giordania e Iraq.

Ieri l’OPEC+ ha annunciato una produzione di petrolio più rapida e maggiore intensificare per arginare l’aumento dei prezzi che stanno facendo salire i costi dell’energia in tutto il mondo. L’OPEC+ è composta dai tredici membri dell’OPEC e da altri dieci paesi, tra cui Messico e Russia. La guerra in Ucraina, tra le altre cose, ha causato un forte aumento dei prezzi del petrolio.

politica dei diritti umani

I gruppi per i diritti umani criticano il riavvicinamento di Biden con l’Arabia Saudita. “In questo momento, Biden sta affrontando un accumulo di crisi e alcune priorità in materia di diritti umani stanno soffrendo”, afferma PEN America al New York Times

READ  Due scheletri ritrovati a Pompei: morti a seguito di un terremoto

Questa organizzazione è impegnata per la libertà di espressione in tutto il mondo. “Più è difficile mettere i diritti umani al di sopra della politica, più importante è per un leader farlo bene”.

Anche il segretario di Stato americano Blinken ha parlato della lotta tra i diritti umani e altri interessi già mercoledì, in occasione di un evento celebrativo del centenario della rivista Foreign Affairs. Secondo Blinken, si è parlato di una revisione delle relazioni con l’Arabia Saudita sotto Biden, e il proseguimento dei contatti ha prodotto risultati concreti, come il cessate il fuoco in Yemen.

Questo approccio dà i suoi frutti anche in altre aree, dice Blinken. “L’Arabia Saudita è un partner molto importante nella lotta contro l’estremismo nella regione e nell’affrontare le sfide poste dall’Iran”. Spera anche che l’Arabia Saudita a un certo punto si unisca agli accordi di Abramola normalizzazione dei legami tra quattro stati arabi e Israele.

I preparativi vanno avanti da mesi

L’Arabia Saudita, a sua volta, ha anche una lista dei desideri per gli Stati Uniti. Il Paese è arrabbiato perché gli Stati Uniti non considerano più i ribelli Houthi in Yemen un gruppo terroristico. Inoltre, nutrono dubbi su un nuovo accordo nucleare con l’Iran, che è in discussione. L’Iran è il principale rivale dei sauditi nella regione.

I preparativi per la visita di Biden sono in corso da mesi, secondo il New York Times, con diplomatici che vanno avanti e indietro. Tuttavia, la guerra in Ucraina ha accelerato la necessità di ristabilire i legami, scrive il quotidiano.

A novembre ci saranno le elezioni di medio termine negli Stati Uniti, dove verrà eletta una nuova Camera dei rappresentanti e un terzo dei seggi al Senato sarà occupato. È probabile che i prezzi dell’energia rappresentino un’importante questione elettorale.

READ  "Dopo la terza dose, la quarta e la quinta: un vaccino ogni sei mesi per sconfiggere il Coronavirus"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *