Binotto: “Non siamo mai irregolari nel 2019” – F1 Team – Formula 1

Il stagione 2020 La Ferrari sarà ricordata, purtroppo per gli appassionati di cavallini rampanti, come una delle peggiori in assoluto. Se il sesto posto in classifica costruttori venisse confermato a fine anno, sarebbe il ranking più basso del campionato dal 1980. Non tutti, ma molti dei problemi della SF1000 nascono come sappiamo dal blocco motore, indebolito per la stagione 2020 dopo le polemiche sulla straordinaria prestazione mostrata dai motori di Maranello durante l’ultimo campionato. Il famoso Accordo segreto Ferrari-FIA ha tenuto corte per tutto l’inverno, inevitabilmente. Intervistato da Sky Sport F1 nella splendida cornice della Nuova Ges, capogruppo Mattia Binotto ha affrontato di petto la questione, rispondendo alle tante discussioni che si sono svolte su questo spinoso argomento.

FIA-Ferrari, cronaca di un’inchiesta

La Federazione non ci ha mai trovati irregolari. Se ci avesse trovati irregolari, ci avrebbe squalificati – chiaramente evidenziato il muro Ferrari numero uno – la Federazione ci ha controllati in tante gare, ad ogni GP, per cercare di capire e verificare, senza mai riscontrare irregolarità. Nessun avversario ha protestato. Se ci fosse stata un’evidente irregolarità, mi sarei aspettato che qualsiasi avversario protestasse “. Secondo Binotto, quindi, il patto con la Federazione sarebbe servito a entrambe le parti per lasciarsi in qualche modo alle spalle il passato, evitando di proseguire con indagini complesse e costose: “Ciò avrebbe comportato uno spreco di energia e costi da entrambe le parti – ha sottolineato il direttore della squadra rossa – la questione era da dire “Concentriamoci sul futuro, aiutaci a capire le zone d’ombra”. Ci sono stati alcuni chiarimenti su questo. Affare segreto? Direi che è normale: cosa dovremmo fare, mostrare a tutti il ​​nostro motore ei nostri segreti? Nessuno l’ha mai fatto in F1, non abbiamo bisogno di iniziare a farlo “ Binotto ha sottolineato di nuovo.

Ferrari: Ecclestone e l’errore della FIA

Delicato, come sempre nella storia del circo, anche il tema del aree grigie. Binotto ha confermato che la Ferrari ha sfruttato proprio questi nel 2019: “Siamo stati nella zona grigia per tutta la stagione. Fino all’inverno, con a direttiva fatta anche con il nostro aiuto che ti ha impedito di fare alcune cose sugli alimentatori. Questi hanno avuto implicazioni per noi, ma anche per altri. Poi, ovviamente, ci ha colpito più di altri, come mostra la situazione attuale. Come arrivare a questa stagione? Abbiamo il progetto sbagliato – ha poi ammesso – fare false supposizioni e cercare un percorso di sviluppo che in seguito si è rivelato sbagliato. Il gelo e la chiusura ci hanno penalizzato per tutta la stagione “.

Tuttavia, il senior manager dell’area sportiva di Maranello è convinto che il lungo viaggio in attesa del titolo stia per concludersi. L’ultimo campionato piloti risale al 2007. Gli anni passati finora sono 13: “Non ci saranno 21 per il prossimo titolo – Ha annunciato Binotto – tuttavia, siamo quelli a cui ci siamo avvicinati di più negli ultimi anni. Ci sono state molte stagioni senza vittorie. Questo è particolare a causa delle difficoltà che abbiamo, ma non dobbiamo dimenticare il contesto. Covid, su chiusura forzata di nove settimane senza avere la possibilità di lavorare e riprendersi. Gli sforzi interni devono quindi necessariamente puntare al 2022, con la modifica normativa. Mi piace vedere la stagione 2020 solo come un’eccezione alla regola “ Ha aggiunto. I fan della Ferrari sperano che sia così.

READ  Tour de France, 12a tappa (Chauvigny-Sarran): Zakarin in pensione | Il diretto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *